Home Mercato 4 consigli per la scelta delle borse giuste per il vostro bike...

4 consigli per la scelta delle borse giuste per il vostro bike to work

1241

Belle sì, ma soprattutto comode, sicure e, perché no, antipioggia. Se al ritorno dalle vacanze vi siete convinti a lasciare a casa l’automobile e utilizzare la vostra tanto amata bicicletta per il tragitto casa-lavoro (non per niente in questi giorni cade la Settimana Europea della Mobilità e viene rilanciato il progetto Bike To Work), ecco qualche consiglio pratico per la scelta delle borse da applicare al portapacchi: compagne dei vostri spostamenti in città, non solo per chi fa cicloturismo, le sacche per la bici (secondo molti più funzionali di uno zainetto) vanno scelte con attenzione senza fermarsi ai puri canoni estetici.

1 – IMPERMEABILI, OVVERO PER TUTTE LE STAGIONI. Il caldo fuori stagione, che sta accompagnando la prima metà di settembre, è destinato a sparire e, giustamente, a lasciare spazio al clima autunnale: che solitamente porta anche la pioggia. Per questo se utilizzate le borse da bici per trasportare computer o altri device tecnologici, oppure documenti di lavoro o banali “scartoffie”, è meglio che siano impermeabili e resistenti all’acqua. Quasi tutti i produttori ormai realizzano borsoni in materiale tecnico oppure li vendono insieme a una speciale copertura per proteggerli dall’acqua.

2 – LUMINOSE, QUINDI SICURE. Certo, il nero sfina ed è anche molto fashion, ma il “total black” non è smart per chi si sposta in bici in città. Prestate attenzione, nel caso in cui siate dei veri amanti delle tonalità scure, che almeno ci siano degli inserti rifrangenti. Essere visibili nel traffico (stiamo andando verso giornate sempre più corte e quindi buie) al mattino presto o quando si fa sera, è il modo migliore per evitare incidenti, tornare a casa sani e salvi e sopravvivere alla giungla degli ingorghi metropolitani. Meglio se scegliete colori cangianti, magari fluo, di sicuro non passerete inosservati.

3 – CAPIENTI, MA NON TROPPO. In questo caso la valutazione è molto personale. Se quotidianamente dovete spostare molto materiale e caricare computer o documenti, allora fate bene i calcoli circa lo spazio che vi serve. Il suggerimento è quello di non esagerare: capienti sì, ma soprattutto agili, che vi permettano di pedalare senza troppa difficoltà, che non spostino troppo i baricentri e i pesi della vostra due ruote e che vi permettano di passare dove gli altri non possono, cioè nel traffico, tra le fila di auto, sulle ciclabili o anche sui marciapiedi ove consentito. Urtare gli ostacoli con le borse laterali, per chi non ha molta dimestichezza con questi prodotti, è tanto facile quanto pericoloso.

4 – CON GANCI, CIOE’ COMODE. Se dovete agganciare le borse al mattino quando partite per andare al lavoro, rimuoverle appena arrivate nei pressi dell’ufficio, e quindi ripetere questa liturgia almeno altre due volte nel corso della vostra giornata tipo, allora scegliete borse che si aggancino (e sgancino) facilmente dal portapacchi della vostra bicicletta, per non perdere tempo. I sistemi studiati dalle case produttrici sono ormai all’avanguardia e consentono movimenti rapidi e poco dispendiosi in termini di fatica. Attenzione: non viaggiate con le borse “libere”, cioè non agganciate al portapacchi o al telaio. Oltre che molto rischioso per voi e per gli altri, sarebbe anche un invito palese nei confronti di qualche malintenzionato che potrebbe rubarvele in corsa.