Home città A Pescara le quartine di Alessandro Ricci ‘cantano’ dagli stalli delle bici

A Pescara le quartine di Alessandro Ricci ‘cantano’ dagli stalli delle bici

246
Una delle sedici quartine di Alessandro Ricci sugli stalli di Pescara.

A Pescara l’arredo urbano passa anche da quartine scritte sugli stalli delle biciclette. Dal progetto di Borracce di poesia a cura del giornalista Alessandro Ricci, la città di D’Annunzio ha accolto un’iniziativa che rafforza il rapporto tra le due ruote con strofe e rime.

Appoggiato dall’assessorato alla Cultura di Pescara il progetto degli stalli in rima è il frutto di dieci anni di attivismo e impegno di Borracce di poesia. Tra le ultime iniziative, si ricorda quella sperimentata durante le vacanze di Natale quando Ricci aveva lasciato sui sellini e nei cestini dei pescaresi strofe dedicate alla bicicletta.

16 le poesie che i ciclisti di Pescara troveranno così ogni volta che legheranno la propria due ruote a uno stallo. «Un inno alla bicicletta e alla sostenibilità», ha commentato l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo che ha così valorizzato un percorso decennale che ha portato il giornalista-poeta Ricci a vincere diversi premi.

Prima degli stalli in rime di Pescara, tra i tanti riconoscimenti, i lavori di Borracce di poesia di Ricci sono stati utilizzati dal governo olandese durante il Cycling Festival Europe 2016 promosso in occasione del semestre olandese a guida del Consiglio UE. Un periodo istituzionale dedicato anche alla bicicletta da uno dei paesi più bike friendly in Europa.