Bici pieghevoli: Tern 451 Verge, le piccole che si comportano da grandi

Bici pieghevoli: Tern 451 Verge, le piccole che si comportano da grandi

519
0
Condividi

Risultati da grande, la comodità smart della pieghevole. Dall’innovazione Tern esce l’ampliamento della famiglia di folding Verge con i tre modelli 451 Verge, pensati per chi si sposta quotidianamente in città e vuol farlo chiedendo al formato compatto stabilità, confort, prestazioni.

In quel numero, 451, c’è la prima chiave del successo. Sono millimetri, e tradotti in pollici fanno 22”: un piccolo upgrade nelle ruote rispetto al classico formato da 20”, che consente un tangibile salto di prestazioni, con un impatto impercettibile in termini di volume sulla bici piegata che resta una delle chiavi vincenti di Tern.

Inoltre, per facilitare il trasporto in tutti quei passaggi del commuter da gestire senza piegare il mezzo, le 451 Verge vestono l’innovativa sella Porter, studiata per ottimizzare il trasporto della bici aperta, appoggiata alla spalla.

Sul fronte della componentistica, la gamma 451 Verge è equipaggiata con trasmissioni Shimano (a seconda dei modelli, Shimano Acera o Shimano Deore 1x), che permettono di avere una grandissima ampiezza di velocità in una soluzione leggera, compatta e versatile.

Potete scoprire da questa pagina del sito ufficiale di Tern dettagli e caratteristiche dei tre modelli 451 Verge: Verge D9, l’apripista della gamma; Verge P10, che alla bilancia segna 11,7 kg per massimizzare leggerezza e trasportabilità; e l’ammiraglia di famiglia, Verge X11, con ruote Kinetix™ Pro X fatte a mano, guarnitura in fibra di carbonio, la possibilità di una finitura a specchio, e una cassetta posteriore con pignoni da 10 a 42 denti per affrontare le salite più dure e per “volare” in discesa.