Bike sharing: a Berna dal 2018 una bici ad ogni cantone

Bike sharing: a Berna dal 2018 una bici ad ogni cantone

80
0
Condividi

Annunciata per il maggio 2018 a Berna l’inaugurazione del più esteso bike sharing svizzero. Punta a 2400 “bici del sindaco” il prossimo servizio della capitale elvetica, dove la popolazione è di poco superiore a 140mila abitanti. A confronto, per intenderci, Milano offre oggi agli utenti più di 4500 bici, ma per 1,3 milioni di residenti.

Col nuovo bike sharing Berna scommette, entro il 2030, sul 20% degli spostamenti quotidiani in sella (oggi all’11%). 2 milioni i franchi svizzeri necessari (pari a oltre 1,8 milioni di euro) perché si installino 200 stazioni sul territorio metropolitano. Spazi urbani che il comune elvetico ha già individuato, prevedendo anche l’eliminazione di ben 97 stalli per automobili (di cui 14 a pagamento) che lasceranno così il posto alle biciclette a noleggio.

La palla ora è passata al Parlamento che dovrà sbloccare quella somma nei prossimi mesi per il bike sharing di Berna. Intanto secondo i primi calcoli la sottrazione di parcheggi alle automobili nella capitale costerà, in termini di soste non più pagate, 24mila franchi svizzeri annui in meno (oltre 22mila euro).

D’altra parte l’amministrazione di Berna scommette sul bike sharing che grazie all’app riserverà la prenotazione di una bici a ciascun utente. I costi di tariffe e abbonamenti variano a seconda dell’utilizzo, ma per mezz’ora di pedalata si parla di 3 franchi, ovvero 2,7 euro. Somme che dovrebbero controbilanciare i mancati introiti dalle soste auto. Consentendo comunque il miglioramento della vivibilità urbana e della qualità dell’aria come già fanno altre iniziative in Svizzera.