Trasporto bici sui tram: a Milano la proposta di estendere il servizio...

Trasporto bici sui tram: a Milano la proposta di estendere il servizio a tutta la rete

168
0
Condividi
Uno dei tram modello "Sirio" di Milano.

Dalla sperimentazione all’estensione del servizio trasporto bici sui tram a pianale ribassato. Con la recente approvazione quasi unanime di una delibera cesellata dal consigliere Pd del Municipio 1 Ludovico Manzoni si sollecita l’amministrazione milanese ad aprire le porte dei mezzi di superficie alle due ruote. «L’abbiamo proposto soltanto fuori dalle ore di punta e senza alcun sovrapprezzo sul biglietto». Il servizio sperimentato da più di un anno sul 7 e sul 31 – intesi come tram – attende ora il parere della Giunta comunale e di ATM (Azienda Trasporti Milanesi) per l’approvazione.

L’estensione del trasporto bici gratuito su alcuni mezzi pubblici, e in alcune fasce orarie, suggerita nella delibera del Municipio 1 di Milano viene motivata anzitutto col successo della sperimentazione su due linee tramviarie a pianale ribassato. Comodo l’accesso delle bici a bordo, dove lo spazio non manca: motivo che rende questi mezzi preferibili ai tram storici, come indicato in un’altra delibera rivolta al Comune nella quale si chiede un aumento dei moderni “Sirio” in sostituzione dei tradizionali jumbotram (e dei loro tre scalini d’accesso).

Capofila nell’estensione territoriale a livello nazionale del bike sharing, Milano allargherebbe così l’utilizzo della bicicletta con un servizio gratuito per i cittadini. Già previsto su tutte le linee della metropolitana in alcune fasce orarie, il trasporto delle due ruote a bordo di molte altre linee tramviarie amplierebbe gli spostamenti in bici sulle distanze più ampie, oltre a garantire un imbattibile “ombrello” se sguarniti di impermeabile. «L’assessore alla Mobilità Marco Granelli – ancora Manzoni – è ottimista sull’approvazione e sull’estensione del servizio».