Home Mercato 4 semplici criteri per scegliere il casco giusto da città

4 semplici criteri per scegliere il casco giusto da città

492

In testa. Ben allacciato. Quella che vi proponiamo qui è una guida rapida per la scelta del casco giusto che fa per voi per pedalare in città: non perdiamo troppo tempo e non spendiamo troppe parole per ricordarvi quanto sia importante indossare un casco quando si sale in sella anche per chi non ne condivide l’obbligatorietà per legge. Quindi, se siete alle prese con la scelta di un casco per muovervi nel traffico nel tragitto casa-lavoro (o per andare a fare la spesa o accompagnare figli e nipoti a scuola), ecco 4 consigli semplici e veloci per trovare quello che fa al caso vostro. O meglio, al capo vostro.

A NORMA DI LEGGE – Per prima cosa un casco deve essere omologato. Deve rispettare cioè le norme imposte dalla direttiva europea CE EN 1078 e la sua qualità deve essere certificata da un ente specializzato. La prima cosa da fare è quindi controllare se sulle cinghie o all’interno della calotta ci sia la scritta che identifica l’omologazione: se così fosse, il casco è considerato sicuro e in caso di urto o caduta la vostra testa sarà protetta.

PRATICO – Il ciclista urbano esige un casco funzionale al suo specifico utilizzo. Che si tratti di un modello urban o sportivo, il casco del biker di città deve essere pratico: si deve poter allacciare e slacciare in modo rapido e senza eccessive complicazioni, deve potersi “agganciare” facilmente alla bici o allo zaino negli spostamenti a piedi. In fase di acquisto non pensate solo alle caratteristiche che il vostro casco deve avere quando si trova sulla vostra testa, ma anche quando lo toglierete per entrare in ufficio, per spostarvi per una commissione o per entrare su un mezzo pubblico.

CONFORTEVOLE – Omologato, quindi sicuro. Certo. Ma anche confortevole. Portare il casco in città, se praticate il bike to work o se semplicemente vi piace superare l’ostacolo del traffico salendo sulla vostra bici, non deve affatto essere un peso. Leggerezza, sistemi di areazione e tecnologiche, eventuali connessioni con altri dispositivi digitali non sono dettagli da trascurare e rientrano in quella grande voce chiamata “comfort” che dovrà in realtà farvi dimenticare che state pedalando con un casco sulla testa.

BELLO – Perchè no? Abbiamo già detto mille volte che anche l’occhio vuole la sua parte. E oggi più che mai il ciclista urbano è anche uno status symbol e per questo presta attenzione al design e ai colori. Quindi, il vostro casco, sceglietelo anche bello, perché sarà compagno inseparabile delle vostre avventure su due ruote in città.