Home mobilità ambiente Bimbimbici colora l’Italia di allegria. Ma a Palermo è polemica Fiab-Comune

Bimbimbici colora l’Italia di allegria. Ma a Palermo è polemica Fiab-Comune

717

 

 

 

Napoli, Roma, Milano, Bologna. Ma anche Roccella Jonica, Porretta Terme, Arese e Sant’Antioco. Sono solo alcuni tra le centinaia di comuni e città che, domenica 8 maggio, ospiteranno la 17esima edizione di Bimbimbici, storica iniziativa della Fiab per promuovere la mobilità ciclabile anche tra i più piccoli e, nel contempo, sensibilizzare le amministrazioni comunali sui temi della sicurezza in strada di ciclisti e bambini.

Fernando Blasi, Nandu Popu
Fernando Blasi, Nandu Popu

Per il 2016 sarà Napoli il palcoscenico della manifestazione nazionale con un testimonial cicloambientalista doc: Fernando Blasi, il Nandu Popu dei Sud Sound System, ciclista da sempre che alla bicicletta – racconta – deve molta ispirazione nella sua attività di musicista e scrittore.

A Palermo però la giornata di festa è segnata dal malumore dell’associazione Fiab locale nei confronti dell’amministrazione del sindaco Leoluca Orlando.“Per la 17esima edizione di Bimbimbici non intendiamo servirci del logo del Comune di Palermo. Hanno negato a bambini e genitori il parco di Villa Trabia con la scusa di piante monumentali che, ancora non capiamo come, verrebbero danneggiate dal passaggio di biciclette”. Raggiunto al telefono da BC, il presidente del Coordinamento Ciclabile Palermo Fiab, Giacomo Scognamillo, non le manda a dire all’amministrazione cittadina e rilancia col cambio del tragitto di Bimbimbici che nel capoluogo siciliano si terrà sabato 7 maggio, con una giornata di anticipo. La polemica per la mancata concessione di Villa Trabia, storico edificio settecentesco, come luogo di registrazione degli iscritti prima della partenza dell’edizione palermitana di Bimbimbici, ha un solo ingrediente. Il numero dei partecipanti in sella, meno di un centinaio secondo gli organizzatori, metterebbe a rischio, questa la riserva espressa dal Comune, le piante tra la Villa e l’uscita del parco di via Salinas.

Se Bimbimbici è un pericolo per le piante di Villa Trabia a Palermo, che dire della Color Spring Run che domenica 24 aprile ha attraversato il parco? Secondo il Giornale di Sicilia in 1200 hanno percorso a piedi e in bicicletta lo stesso percorso che alla Fiab è stato negato per una questione di tutela del verde. La goccia è arrivata con la concessione, comunicata dal Comune, di un’altra location, la seconda in ordine di preferenza che era stata proposta dall’associazione. Che a quel punto ha fatto tabula rasa. “Tendiamo a non appesantire il numero persone all’interno di Villa Trabia – spiega Sergio Marino, assessore al Verde – e in merito alla manifestazione dello scorso aprile ci tengo a precisare che quelle persone sono semplicemente transitate”.

“Bimbimbici partirà dal Tribunale di Palermo, un luogo simbolo della nostra città, da dove noi sempre speriamo possa arrivare un cambiamento”. Con una calma olimpica Scognamillo riaggiorna il percorso della ciclopedalata e non risparmia le critiche all’amministrazione di Leoluca Orlando in tema di politiche a sostegno della mobilità dolce. “Sono anni che siamo a disposizione del Comune, eppure a Palermo si continuano a costruire ciclabili non a norma. Larghe 1,25 m, invece di un metro e mezzo, non sono certo sicure col nostro traffico automobilistico”. Osservazioni a cui Marino controbatte parlando di “dettagli perfettibili” e difendendo l’operato dell’amministrazione in materia di politiche bike friendly.