Home mobilità ambiente Con l’auto contro la Critical Mass in Brasile: condannato a 12 anni

Con l’auto contro la Critical Mass in Brasile: condannato a 12 anni

1221
Un'immagine del video sul tentato omicidio dei ragazzi della Critical Mass

Dodici anni di carcere per undici tentati omicidio e cinque lesioni gravi volontarie. È questa la condanna inflitta a Ricardo Neis, un bancario brasiliano di Porto Alegre che aveva travolto, con la sua auto, nel 2011, un gruppo di ciclisti della Critical Mass.

Neis con i giornalisti prima del processo

Solo per un miracolo non c’era stata nessuna vittima, anche se, per i giudici, era chiara la sua volontà di recare il maggior danno possibile con un comportamento “vigliacco e violento”.

Il video del gesto folle era diventato subito virale e aveva fatto il giro del mondo. La difesa di Neis è stata tutta incentrata sulla provocazione che aveva dovuto subire da parte dei ciclisti e sulla necessità di difendere il figlio di 15 anni che era in macchina con lui.

Alla fine del processo, alla domanda se si fosse pentito della sua azione, Neis ha preferito non rispondere.