Home mobilità ambiente Cresce l’auto condivisa e piace sempre più a giovani e donne

Cresce l’auto condivisa e piace sempre più a giovani e donne

235

Il 2018 è stato un anno di consolidamento per il car sharing, che registra un incremento dei noleggi del 27% rispetto all’anno precedente con gli iscritti che hanno raggiunto quota 1,8 milioni. Sono i dati emersi dall’ultimo rapporto La mobilità sostenibile e condivisa in Italia presentato da Aniasa, l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese che svolgono attività di noleggio veicoli, car sharing e servizi collegati alla mobilità.

Se la flotta complessiva di 6.600 unità è rimasta stabile, il numero di noleggi è salito, rispetto all’anno precedente, a quasi 12 milioni (erano stati 9.380.000 nel 2017), mentre frena il numero degli utenti che hanno effettuato almeno un noleggio nell’ultimo semestre: -20%.

A Milano e Roma l’85% degli utilizzi.

Un segnale questo che non deve essere visto di difficoltà, ma che, secondo Aniasa, anzi segnala un dato positivo: la fidelizzazione degli utenti che trovano nell’auto condivisa una risposta concreta ai loro bisogni, senza ricorrere al mezzo di proprietà. Milano e Roma sono le città dove è più utilizzato, con 9,5 milioni di utilizzi che rappresentano l’85% del totale italiano.

Sempre più donne per il car sharing.

Dall’analisi del profilo degli utilizzatori emerge una crescita delle donne (dal 34% del 2016 al 37% del 2018), e dei più giovani, con il peso della fascia di età 18-25 anni salito dal 22 al 26%. L’età media scende leggermente, attestandosi poco sopra i 35 anni.

In marginale calo la durata media del noleggio (da 29 a 28 minuti circa) a fronte di un lieve aumento dei km percorsi (da 6,6 a 6,8). L’orario di picco resta quello dalle 16 alle 19 e ciascun giorno della settimana pesa tra il 13 e il 15% del totale.