Home mobilità città A Ferrara, dove la vecchia edicola diventa il chiosco dell’e-bike sharing

A Ferrara, dove la vecchia edicola diventa il chiosco dell’e-bike sharing

999
Ferrara
Ferrara: da edicola a punto di noleggio per la mobilità dolce

Non è mai bello quando chiude un’edicola. Ma la cosa peggiore è vedere chioschi abbandonati con le serrande abbassate. Uno di questi, a Ferrara, le ha rialzate per riconvertirsi in ottica sostenibile. E ora offre ai turisti e alle città un servizio di e-bike sharing per visitare il centro storico e tutte le bellezze al di fuori delle mura. «Abbiamo rilevato l’attività per farne un punto di noleggio di biciclette elettriche e monopattini», ci ha spiegato Michele Todisco, uno dei soci di GreenMob Ferrara. Il progetto era in cantiere già prima del lockdown, ma il servizio è stato inaugurato l’ultimo giorno di primavera. Un buon auspicio che l’estate porti con sè un nuovo modo di godersi Ferrara.

La città estense è una delle tantissime in Emilia-Romagna a misura di bicicletta. Prova ne è il fatto che qui, ogni anno, va in scena il Festival del Ciclista Lento. Finora il comune non aveva mai sperimentato un servizio di bike sharing elettrico, così sulle scia dell’entusiasmo per il bonus mobilità il progetto di GreenMob Ferrara vuole assecondare la voglia di due ruote soprattutto nella bella stagione. «In totale – ha spiegato Todisco a BC – abbiamo 30 mezzi, tra biciclette a pedalata assistita e monopattini. Li noleggiamo sia per chi vuole visitare il centro in giornata, sia per chi vuole concedersi qualche giorno in più e scoprire tutto il nostro territorio».

Su BC vi abbiamo già accompagnato a Ferrara grazie a un nostro reportage dedicato a percorsi e soste da mettere in programma. A Todisco, attivo nel settore alberghiero, abbiamo infine chiesto un commento sul valore aggiunto del cicloturismo. «Noi vogliamo spingere sulla mobilità ciclistica: ogni settore dovrebbe dare il meglio per incentivare il cicloturismo». A maggior ragione in un periodo che costringerà l’Italia a fare a meno di molti turisti stranieri e, d’altra parte, suggerirà a molti connazionali di passare le vacanze lungo lo Stivale.