Home viaggio programmi Giornate Nazionali del Cicloturismo: scopri le gite di FIAB e ActiveItaly

Giornate Nazionali del Cicloturismo: scopri le gite di FIAB e ActiveItaly

692
Giornate Nazionali del Cicloturismo

Dopo il successo della Giornata Mondiale della Bicicletta di inizio mese, la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta ha in calendario un altro appuntamento per giugno. Sabato 19 e domenica 20 sono infatti previste le Giornata Nazionali del Cicloturismo, occasione che ha spinto Fiab e ActiveItaly, la rete di tour operator italiani specializzati nel turismo attivo e sostenibile, a pubblicare un ricco programma di attività in tutta Italia per far scoprire i territori a ritmo lento. Sul sito andiamoinbici.it la bacheca delle pedalate è in continuo aggiornamento. Il week end in sella ha ricevuto il supporto della Fondazione Cariplo e il patrocinio di diversi enti tra cui il Ministero della Transizione Ecologica, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, il Ministero del Turismo e Ispra.

«Molte persone, nell’ultimo anno, hanno scoperto la bicicletta quale mezzo di trasporto sicuro negli spostamenti quotidiani e sono oggi pronte a trascorrere le vacanze sulle due ruote, incoraggiati anche dalla crescente popolarità delle biciclette elettriche a pedalata assistita che allargano la platea dei cicloturisti», ha detto Alessandro Tursi, presidente di Fiab. Nel manifesto delle Giornate Nazionali del Cicloturismo – visibile qui – si spiega che l’obiettivo di eventi simili è quello di mostrare quando il cicloturismo possa favorire la ripresa del settore, avviando una transizione verso un nuovo modello (meno mordi e fuggi, e che vada a valorizzare tutti i territori).

«Il cicloturismo – ha commentato Monica Price, presidente di ActiveItaly – è una risposta concreta all’overtourism, perché valorizza le aree interne, i piccoli borghi e si sviluppa soprattutto in bassa stagione. È un turismo a emissioni zero, che crea delle connessioni reale tra i viaggiatori e le comunità locali. Non è quindi solo una questione di quantità, che pure esiste, ma anche di qualità, e siccome come imprenditori ci sentiamo responsabili del futuro dei nostri territori e del nostro pianeta abbiamo redatto un Manifesto per un Turismo Attivo e Sostenibile che invitiamo tutti a firmare».