Home mobilità città In Sud Dakota bici ferme se arriva un’auto

In Sud Dakota bici ferme se arriva un’auto

1263

Tempi duri per le biciclette, in ogni parte del mondo. Dopo l’uscita del ministro degli Esteri polacco che considera “ciclisti e vegetariani” uno dei mali dell’Europa, dal Sud Dakota arriva un’altra notizia destinata a entrare nel Guinness dell’umana idiozia. Nello Stato americano si discute la proposta di legge che obbliga i ciclisti a fermarsi a lato della strada ogni volta che vengono superati da un veicolo più veloce.

La House Bill 1073 – questo è il nome con cui è protocollata – in poche righe fa carta straccia di una regola che ormai è comune in tutti i codici e regolamenti stradali: la tutela del soggetto più debole. Se approvata, in pratica, sarebbe vietata la circolazione delle bici se non sulle ciclabili. Non è chiaro poi come si dovrebbe comportare un ciclista superato da un altro ciclista o un trattore che viene affiancato da una bicicletta. Entrambi avranno l’obbligo di fermarsi a bordo strada?

Il Sud Dakota non è il solo Stato che sta meditando bizzarre idee: in altri Stati, tra cui il Missouri, gira la proposta di portare su ogni bici una bandiera alta 4,5 metri per migliorare la visibilità e ridurre il pericolo di essere investiti.