Home mobilità città La bici umana più grande del mondo: in 3mila a Città del...

La bici umana più grande del mondo: in 3mila a Città del Messico

1018
In 3 mila nella Piazza della Costituzione, a Città del Messico, per disegnare la bicicletta dei record

Non è una piazza, ma la piazza di Città del Messico, el Zòcalo, una superficie di oltre 40mila metri quadrati che 3mila ciclisti, domenica scorsa, hanno eletto palcoscenico di un flash mob organizzato col passaparola sui social network in occasione della settimana dedicata alla mobilità sostenibile. Sono servite alcune ore, ma alla fine tutti gli spazi sono stati riempiti per lo scatto finale, quello che ha immortalato la bicicletta umana più grande al mondo. Una manifestazione che l’associazione bike friendly Paseo de Todos, ha contribuito a organizzare in collaborazione con l’assessorato all’Ambiente della metropoli per una campagna di sensibilizzazione sulla mobilità dolce.

I primi capannelli di ciclisti si sono formati alle prime luci del mattino nel cuore di Città del Messico per aggiudicarsi il proprio posto nella bicicletta umana dei record. Attesi in 5mila secondo le aspettative sulla pagina Facebook, l’organizzazione ha registrato in Piazza della Costituzione 3mila partecipanti, tra ciclisti e non, con un traguardo numerico che giustifica comunque l’entusiasmo per il successo ottenuto. Nel 2013, anno della prima due ruote da Guinness dei primati, a riunirsi per chiedere più ciclabili che favoriscano gli spostamenti in sella – anche se, nel mondo, ci si arrangia – e più sicurezza nel traffico erano stati poco più di mille.

La “Segunda Bici Monumental Humana” di el Zòcalo nella capitale messicana ha coinvolto famiglie e cittadini di ogni età nel primo evento su scala nazionale in programma per la settimana dedicata alla mobilità sostenibile. Circa 20 mila i metri quadrati occupati dal disegno della bicicletta gigante, un’istantanea rilanciata su diversi media nazionali, colorata con le centinaia di ciclisti reclamanti a gran voce una riconversione radicale del trasporto urbano, più vicino agli utenti deboli della strada e meno incentrato sull’automobile. Secondo il Tom Tom Traffic Index Città del Messico guadagna nel 2016 la maglia nera a livello mondiale per gli imbottigliamenti stradali: gli spostamenti richiedono un 59% di tempo extra.