Home mobilità L’e-bike batte l’auto elettrica. E la Cina resta padrona

L’e-bike batte l’auto elettrica. E la Cina resta padrona

743

Trentacinque milioni di biciclette a pedalata assistita nel mondo. Il numero, evidenziato da una ricerca di Navigant research, riguarda la stima delle vendite che, a fine 2016, confermerà il primato del mercato e-bike rispetto a quello delle auto elettriche.

Al timone dei paesi produttori ed esportatori resta la Cina col 90% delle vendite mondiali, dove gli oltre 200 milioni di due ruote a pedalata assistita in circolazione si spiegano anche con le scelte politiche di limitare la circolazione di motocicli. Dall’altra parte del Pacifico, negli Usa, la ricerca fotografa un mercato che fatica a crescere: 152mila e-bike è la stima di vendita complessiva di quest’anno in un paese dove oltre il 90% delle persone, sempre secondo lo studio, non sa nemmeno dell’esistenza di questo tipo di bicicletta.

Sorride un po’ di più l’Europa dove, secondo i calcoli della Confederation of the European Bicycle Industry, le bici elettriche valgono il 6,5% del mercato della mobilità sostenibile. Un settore dove comunque il giro d’affari è in via d’espansione: a livello globale, da qui al 2025, si passerebbe dai 14 miliardi ai 22 miliardi di euro.