Home mobilità città Quarantena bici: 5 consigli per tenerla sempre in forma

Quarantena bici: 5 consigli per tenerla sempre in forma

1187
Bici in quarantena
La sosta forzata può diventare l'occasione per tutti quei lavoretti di manutenzione che ce la consegneranno in piena forma quando si potrà tornare a pedalare.

Bici in quarantena: il coronavirus ci sta impedendo di pedalare: ma la sosta forzata può essere un momento propizio per tutte quelle piccole (ma grandi) azioni di manutenzione, ordinaria e straordinaria, di cui la nostra bicicletta ha bisogno (soprattutto per restare ferma in cantina) e che però abbiamo sempre rimandato. Ecco allora 5 consigli pratici per lasciare il nostro mezzo in ottimo stato, pronto per tornare a mangiare la strada quando sarà possibile.

bici in quarantenaPNEUMATICI – L’ideale sarebbe avere dei ganci dove appendere la bici. In questo modo gli penumatici dureranno più a lungo e anche il peso del mezzo non ricadrà sui raggi. Qualora non fosse possibile si può sempre pensare di lasciare la bici a “testa in giù”, cioè appoggiata al sellino e al manubrio. E i “vecchi saggi” raccomandano sempre di sgonfiare leggermente le gomme, per non lasciarle in pressione.

DOCCIA – Se la bici in quarantena deve restare in cantina, allora è meglio lasciarla pulita. Se non avete lo spazio sufficiente per una bella doccia generale, allora potete fare questa operazione a zone, con un panno bagnato, per rimuovere quei segni di sporco che rischiano di diventare incrostazioni permanenti e pericolose. Mi raccomanda, dopo “il bagnetto” la bici va sempre asciugata.

LUBRIFICAZIONE – La catena, gli ingranaggi e le componenti del cambio sono le parti più delicate. Dopo la pulizia occorre sempre lasciare questi pezzi lubrificati. Per farlo al meglio, conviene affidarsi a qualche esperto in materia (magari un amico ciclista), e sicuramente a un prodotto adatto, che non rischi di rovinare le componenti. Non esagerate: lubrificare non significa inondare di grasso, olio o liquidi ad hoc. Quindi meglio collocare i prodotti poco alla volta, magari una volta ogni due settimane, piuttosto che svuotare completamente un contenitore in una sola volta.

FRENI – Perché non sfruttare la quarantena anche per una corretta manutenzione dei freni? Avete tutto il tempo necessario per cambiare i pattini oppure le pastiglie dei vostri freni a disco. In modo da non farsi trovare impreparati all’inizio della stagione e “buttarvi a tutto gas”, ma in sicurezza, nel vostro prossimo viaggio su due ruote.

COPERTURA – Non serve un telo “tecnico”. A volta basta una vecchia coperta, un vecchio lenzuolo per coprire il vostro mezzo a due ruote. Un modo banale per proteggerlo dalla polvere ma anche dall’umidità (presente soprattutto nelle cantine o nei garage) che è il nemico numero uno delle componenti più delicate e che rischiano di essere intaccate dalla ruggine. Beneficiano di una copertura anche parti in plastica o in pelle, che si preserveranno in modo migliore.