Home mobilità Studiare da mobility manager: a Venezia un master dell’Università Ca’ Foscari

Studiare da mobility manager: a Venezia un master dell’Università Ca’ Foscari

547
mobility manager

L’Università Ca’ Foscari di Venezia ha inaugurato il primo master in Italia che si occupa – in modo verticale – della formazione dei mobility manager. La figura era già stata inquadrata dalla legge italiana e sono molte le città che hanno rivoluzionato la propria rete ciclabile anche grazie a questi professionisti (vedi l’esempio di Pesaro e della ciclopolitana). Il Decreto Rilancio ha però abbassato le soglie limite oltre le quali diventa obbligatorio dotarsi di un mobility manager. D’ora in avanti questi esperti dovranno essere attivi in imprese e pubbliche amministrazioni con più di cento dipendenti in città con oltre 50mila abitanti.

Le iscrizioni al master “Mobility innovation and management” sono chiuse da poco. Da giugno a marzo 2021 – e tutto in inglese – il corso affronterà sei tematiche: mobilità, gestione, tecnologia, strumenti, opportunità ed esperienze. “La formazione di tali nuovi profili è una necessità ormai evidenziata nel mercato del lavoro – si legge sul sito dell’ateneo – e risponde all’esigenza di accelerare il processo di cambiamento del sistema della mobilità nella direzione della sostenibilità nelle dimensioni economica, ambientale e sociale».

La scelta di dotarsi di un mobility manager può favorire, ad esempio, il bike to work tra i dipendenti di un’azienda o di una PA, trovando soluzioni per incentivare modelli di spostamento meno inquinanti. Un esempio viene dal Politecnico di Milano, dove la mobility manager Eleonora Perotto ci aveva raccontato come l’ateneo fosse riuscito a dotarsi di quasi cento bici aziendali, il triplo delle auto aziendali.

Le figure professionali che in un modo o nell’altro si legano alla mobilità ciclistica, intesa come mezzo di sviluppo per i territori e l’economia, hanno fatto ormai breccia negli atenei che propongono da anni percorsi formativi su queste tematiche. Uno dei primi casi in Italia è quello dell’Università di Verona dove, in collaborazione con la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, ogni anno viene organizzato il corso per formare gli Esperti Promotori della Mobilità Ciclistica.