Home mobilità ambiente In bici alla Coop fa quattro volte il giro della Terra

In bici alla Coop fa quattro volte il giro della Terra

944
In bici alla Coop

In bici alla Coop, appena concluso, è stato un bike to work di successo nato dalla collaborazione tra Coop Alleanza 3.0 e la piattaforma WeCity. Partita a maggio, l’iniziativa,  in sei mesi ha potuto contare sulla partecipazione di 519 dipendenti che hanno pedalato, nel complesso, per 153.376,61 km. Distanza che, tradotta in altri termini, significa quattro volte la circonferenza della Terra. Questo comportamento virtuoso, suddiviso in 42.587 “viaggi” totali, ha consentito a Coop Alleanza 3.0 di abbattere 24.490,39 Kg di Co2, equivalenti al risultato prodotto da 816 alberi adulti in un anno (o 1632 in sei mesi) nel loro lavoro di fotosintesi.

In bici alla Coop in nove regioni

I 519 dipendenti, distribuiti da nord a sud in nove regioni italiane – Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo, Puglia, Basilicata, Sicilia – dove sono dislocati gli oltre 350 punti vendita Coop Alleanza 3.0, hanno potuto tracciare i propri spostamenti grazie all’applicazione WeCity installata sui propri smartphone. La regione che ha visto i dipendenti più attivi per In bici alla Coop è stata l’Emilia Romagna: Reggio Emilia (3048 km), Bologna (2821), Modena (2267) sono ai primi tre gradini del podio.

Sono numerose le iniziative, da parte di amministrazioni pubbliche – Massarosa è stato il comune antesignano – e di aziende private, nate per favorire il bike to work. Ci sono incentivi ai dipendenti ma anche spazi per lasciare le bici in sicurezza e spogliatoi dove cambiarsi. In questo senso, tra le amministrazioni locali, spicca Trento con la sua delibera del consiglio che impone a tutti i nuovi edifici che ospitano attività del terziario o produttive di dotarsi di locali dove i dipendenti arrivati in bici possono cambiarsi.

Se in Italia siamo ancora alle prime pedalate il bike to work è ormai una realtà fortemente consolidata all’estero. Benefici economici  e strutture per favorire chi in bicicletta arriva al lavoro sono ormai una prassi consolidata non solo in Europa.