Home mobilità città Una metropoli in cargo bike. A New York le adottano famiglie e...

Una metropoli in cargo bike. A New York le adottano famiglie e aziende

1262
new york cargo bike

Se è vero che molte tendenze sbocciano a New York per poi raggiungere il resto del mondo, il destino delle cargo bike potrebbe essere roseo. Nella Grande Mela, città che da diversi anni sta investendo sulla mobilità ciclistica con un bike sharing capillare e chilometri di nuove piste, aumentano le persone che utilizzano questi mezzi di trasporto, così come sempre più aziende vi fanno ricorso per la logistica dell’ultimo miglio. Sono ancora mosche bianche, ma esistono alcuni dati che testimoniano l’accelerazione degli ultimi anni. Tra maggio 2020 e gennaio 2021 le consegne in cargo sono aumentate di oltre il 100%. In un solo mese si è calcolato che nella Grande Mela vengono fatte 45mila consegne.

Se restiamo sulle aziende, i dati sono tutti a favore delle cargo bike che in un tessuto urbano trafficato come quello di New York possono consegnare prima e di più. Secondo un report le cargo a pedalata assistita sono più veloci dei furgoncini del 60% nei centri urbani, con un taglio del 90% alla voce emissioni. La stampa, dal New York Times in giù, è piena di storie di famiglie che, soprattutto a seguito della pandemia, hanno deciso di fare un investimento per cambiare abitudini in una metropoli. E così sta succedendo anche in Italia e in Europa, dove i costruttori hanno buone aspettative sul futuro.

Come dare dunque il buon esempio? Senz’altro vedere una famiglia nel traffico che porta i bimbi a scuola pedalando su una cargo bike aiuta altri genitori a comprendere che, sì, si può fare. Ma è anche grazie all’eco social che il verbo si diffonde. Ci sono mamme, come Maddy (nickname cargobikemomma), che utilizzano Instagram per pubblicare foto, dare consigli, immortalare i momenti più belli con le story. Il messaggio è che qualsiasi città può cambiare, anche le più grandi e complesse. In Europa ci sta provando Parigi (sul modello dei campioni nordeuropei). E in Italia, grazie alla mappatura dei ComuniCiclabili FIAB, decine e decine di città.