Home mobilità città Vaccini, a Bologna la corsia riservata per immunizzare chi arriva in bici

Vaccini, a Bologna la corsia riservata per immunizzare chi arriva in bici

932
vaccini

Nessun favoritismo, ma soltanto la volontà di mandare un messaggio: oltre a vaccinarsi è importante che le persone adottino sempre di più uno stile di vita sano, fatto ad esempio di bike to work e attività fisica quotidiana. A Bologna è stato inaugurato da poco bike through, un corsia riservata per ora soltanto alle persone diabetiche che hanno il diritto di ricevere i vaccini anti coronavirus in quanto soggetti a rischio. Il servizio è stato pensato dall’Ausl di Bologna in collaborazione con l’associazione dei pazienti. Come funziona? Quando è il proprio turno, ci si presenta all’hub del capoluogo emiliano in bicicletta.

Nei prossimi giorni bike through dovrebbe entrare a pieno regime, insieme al piano vaccinale che il commissario straordinario all’emergenza covid, Francesco Figliuolo, sta implementando per raggiungere l’obiettivo di mezzo milione di dosi somministrate al giorno. A Bologna la corsia bike friendly è stata inaugurata non a caso pochi giorni fa proprio in occasione della visita ufficiale di Figliuolo. «Novità assoluta è il bike through per le categorie che devono fare il vaccino perché hanno problemi di natura sanitaria», ha dichiarato.

Il fatto che la bicicletta venga associata a uno stile di vita sano non sorprende. Su BC più volte siamo tornati sul tema, citando i dati di diversi studi e ricerche dai quali emerge quanto pedalare faccia bene non soltanto all’ambiente e al portafoglio. E oltre al benessere fisico, ricordiamo poi i benefici per la mente (parola di neuroscienziato). In un anno senza precedenti sotto molti punti di vista, il boom della mobilità ciclistica potrebbe condurre a un cambiamento positivo per la salute delle persone.

Restando sempre in tema vaccini, la società italo americana Helbiz, presente nel nostro paese con lo sharing di monopattini ed e-bike, ha deciso di regalare 100mila corse a chi sceglie di recarsi nei vari hub della penisola senza utilizzare l’automobile. Il servizio è attivo in numerose città come Milano, Roma, Napoli e Palermo.