Home viaggio mete Via Francigena: varato il progetto di ciclabile lungo la Valsusa

Via Francigena: varato il progetto di ciclabile lungo la Valsusa

721
L'Abbazia di Novalesa, lungo la Via Francigena.

Un’altra direttrice della grande rete di percorsi che compone la Via Francigena sarà in futuro al servizio del cicloturismo. Si tratta di una ciclabile che collegherà i laghi di Avigliana alle pendici del Moncenisio, transitando per l’Abbazia di Novalesa e per una serie di altri monumenti legati alla storia della Bassa Val Susa.

La Ciclostrada della via Francigena, di cui è stato approvato lo studio di fattibilità realizzato da Itineraria, correrà per 55 chilometri parallela al tracciato dell’antica via Francigena, in buona parte lungo la Dora Riparia, calandosi negli interessanti ecosistemi del fiume. Rappresenta il naturale collegamento tra la Maurienne francese e le infrastrutture ciclabili che fanno da corona a Torino. Ed è stata salutata con soddisfazione dall’Unione Montana della Valle Susa: “una sorta di tacito risarcimento – si è detto – allo stupro di cui la Valle è vittima da decenni, dall’avanzare selvaggio delle aree commerciali al consumo di territorio per le grandi infrastrutture”. Il progetto della Ciclostrada della Via Francigena, di contro, si distingue per l’azione di recupero di sentieristica e viabilità minore, rimanendo prevalentemente lungo gli ambienti naturali della Dora.

Si tratta di un’opera che richiede stanziamenti per 3,2 milioni di euro: con i primi 1,7 milioni sarà possibile aprire al pubblico il tracciato; la differenza sarà destinata a opere di ottimizzazione del percorso. La Fiab è tra i partner sostenitori del progetto, a fianco dell’Associazione Europea delle vie Francigene.