Home storie persone La Repubblica delle Biciclette corre il Giro con Garibaldi

La Repubblica delle Biciclette corre il Giro con Garibaldi

297
La Repubblica delle Biciclette
Guido Foddis in una puntata di Garibaldi con Gibi Baronchelli, nel 1974 secondo a soli 12" da Eddy Merckx.

Anche La Repubblica delle Biciclette non si arrende al Covid. Come SenzaGiro e Libri nel Giro 2020, vuole regalare, a tutti quanti si sentono depredati della Corsa rosa, un programma giornaliero per raccontare la tappa che non c’è ma che un po’ di fantasia e qualche aiutino tecnologico si può provare a vive lo stesso.

La Repubblica della Biciclette e le tappe virtuali

Si chiama Garibaldi il programma pensato e condotto da Guido Foddis, quello del Festival del Ciclista Lento,  che della Repubblica delle Biciclette è il sovrano assoluto ( un ossimoro, un controsenso che rende l’idea). Garibaldi come qual prezioso libriccino la preziosissima agenda che l’organizzazione del Giro d’Italia distribuisce a tutti gli accreditati che seguono le tappe con altimetrie delle tappe, spunti di narrazione legati al territorio riferimenti storici alle imprese ciclistiche del passato.

Ogni puntata ha il suo Garibaldi raccontato dalle voci di campioni di ieri e di oggi, giornalisti, operatori del cicloturismo, esperti di mobilità urbana, uomini e donne della scienza per parlare di ambiente, territorio e sostenibilità, seguendo le tappe del Giro così come avrebbe dovuto essere.

Le puntate webcast di Garibaldi, realizzato in collaborazione con la Federazione Italia Ambiente e Bicicletta e altri partner che hanno sostenuto il progetto, patrocinato dal ministero dell’Ambiente.

In attesa di vedere cosa combineranno in autunno Nibali e gli altri corridori nel giro pedalato, ci si può godere ogni giorno Garibaldi (riascoltando anche le puntate precedenti) su tutti i social media della Repubblica delle Biciclette fino al 31 maggio: oltre al sito, i social media Facebook, Youtube e Instagram.