Home mobilità ambiente Bike to work: perché sì, in quattro video

Bike to work: perché sì, in quattro video

715
Un fotogramma del video Fiab

Il bike to work diventa virale.
Per sostenere la campagnia di promozione di una nuova mobilità la Fiab e il Comune di Milano hanno lanciato quattro video per raccontare quanto la bicicletta renda felici, tenga in forma, aiuti il portafoglio e regali libertà.

Sono brevi filmati da un minuto, arricchiti da grafiche originali, destinati ai social media e pensati per la massima condivisione.

Così la più importante associazione italiana di ciclisti urbani e cicloturisti affronta un tema, quello della bicicletta al lavoro, che dovrebbe diventare sempre più centrale nelle politiche delle amministrazioni locali; soprattutto nelle grandi città dove i problemi legati all’inquinamento e alla paralisi del traffico rendono il quotidiano sempre più complicato.

Quast’anno inoltre, abbinata alla campagna del bike to work, è stato lanciato un concorso rivolto alle aziende e ai loro dipendenti che mette in palio decine di premi, il primo dei quali è un viaggio in Nuova Zelanda.