Home Mercato Dal furgone esce una cargo bike: idea Mercedes-Benz per le consegne a...

Dal furgone esce una cargo bike: idea Mercedes-Benz per le consegne a Berlino

556
cargo bike mercedes-benz
Weiterentwicklung des Mercedes-Benz SUSTAINEER Further development of the Mercedes-Benz SUSTAINEER

I camion e i furgoni della logistica rappresentano un problema per il traffico urbano. Una soluzione che sempre più aziende stanno adottando è di alleggerirne il carico di pacchi per lasciare che siano mezzi più leggeri ed ecologici a compiere gli ultimi chilometri fino al citofono del cliente. La casa automobilistica Mercedes-Benz ha collaborato con la società berlinese Onmotion, specializzata in cargo bike, per affiancare all’eSprinter – veicolo elettrico – una bici studiata per il trasporto di merci.

Su BC abbiamo raccontato di iniziative simili che riguardano Amazon ad esempio. Pure Renault ha messo su strada cargo bike utili alla logistica. Per quanto riguarda la collaborazione tra Mercedes-Benz e Onmotion, furgone e bici funzionano in simbiosi: il primo trasporta il carico più pesante da sganciare nei punti sensibili dove iniziare a effettuare le corse, pedalando.

I mezzi incaricati di coprire quello che in gergo si chiama l’ultimo miglio – il più critico per gli sprechi di tempo a cercar parcheggio e l’ingorgo che genera nel traffico – hanno un’autonomia di 25 chilometri e possono trasportare fino a 200 kg. Per mettere a terra il mezzo non servono sforzi di sollevamento: il furgone è automatizzato con un carrello che preleva gli armadietti in cui sono ordinati i pacchi, li appoggia a terra così da lasciare all’operatore l’ultima mossa di farli scorrere a bordo della cargo.

Con pannelli solari sul tettuccio il furgone elettrico funziona così da hub mobile per prelevare le consegne, riducendo così il traffico nelle vie e lasciando quest’ultima fase a mezzi di trasporto più agili. Il successo dell’ecommerce ha senz’altro reso la vita più comoda a molte persone, ma un problema rimane: l’home delivery pesa sulle emissioni anche perché le flotte non sono ancora 100% green.