Home Mercato eventi Settimana Europea della Mobilità: dal 16 al 22 settembre l’Italia pedala

Settimana Europea della Mobilità: dal 16 al 22 settembre l’Italia pedala

472
settimana europea mobilità sostenibile

Sta per cominciare una nuova edizione della Settimana Europea della Mobilità, in calendario da venerdì 16 a giovedì 22 settembre da nord a sud. L’iniziativa rientra all’interno dell’European Mobility Week, progetto che da oltre vent’anni la Commissione Europea organizza sempre a cavallo tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno; e in Italia vede in prima linea Fiab, con un ventaglio di iniziative che coinvolgono la galassia delle associazioni territoriali. Il messaggio è chiaro e, vista l’attualità, più urgente che mai: occorre che tutti facciano la propria parte per migliorare la vivibilità nelle città, ridurre l’inquinamento e al tempo stesso la dipendenza dai combustibili fossili. E per farlo muoversi in bicicletta, a piedi o con i mezzi pubblici è un ottimo inizio.

In Italia sono tanti gli appuntamenti in programma e, come si vede sul sito andiamoinbici.it, pedalate, eventi e manifestazioni sono distribuite su tutto settembre, mese di ripartenza e buoni propositi. Si inizierà il 16 con la nona edizione del Bike to work day, promossa dalla Fiab per spingere sempre più persone a scegliere il pendolarismo in bicicletta; il week end sarà dedicato a un’iniziativa avviata per la prima volta a San Francisco: il Park(ing) Day vuole essere un occasione per riappropriarsi dello spazio pubblico, spesso occupato dalle auto, dove allestire parcheggi bici temporanei.

Come sempre la Settimana Europea della Mobilità invita tutti a utilizzare il meno possibile l’automobile e a godersi la prima di moltissime altre Car Free Week. A Milano, nel frattempo, ripartirà la Milano Bike Challenge, la competizione gratuita organizzata da Fiab che premia le aziende bike friendly dell’area metropolitana che riusciranno a mettere in sella il maggior numero di dipendenti entro il 31 ottobre.

«Lo scenario emergenziale che ci coinvolge richiede un passo concreto verso una mobilità alternativa in bicicletta, più sana e più sostenibile. Un cambiamento che – dice il presidente Fiab Alessandro Tursi – deve coinvolgere singoli cittadini e decisori politici». A poche settimane dal voto delle Politiche, la Federazione ha infatti pubblicato una lettera aperta a tutti i candidati, con un decalogo di proposte concrete che dovrebbe essere attuate dal prossimo governo per accelerare la transizione ecologica.