Home mobilità ambiente Decreto Clima: dalle auto rottamate bonus per bici e abbonamenti trasporti

Decreto Clima: dalle auto rottamate bonus per bici e abbonamenti trasporti

150
Decreto Clima
Con il Decreto Clima per la prima volta la rottamazione di un'auto non è finalizzata all'acquisto di un'altra

Incentivi all’acquisto di bici, anche a pedalata assistita, e agli abbonamenti ai mezzi pubblici per chi rottama un’auto fino a euro 3 o una moto due tempi. Lo prevede, tra altre misure, il Decreto Clima (qui) approvato il 10 ottobre dal governo giallorosso e pubblicato il 14 sulla Gazzetta Ufficiale.

Una novità importante perché, per la prima volta, l’incentivo potrà essere speso solo per migliorare la mobilità alternativa a quella incentrata sull’automobile. In altre parole con gli euro ricavati dalla rottamazione non si potrà acquistare un nuovo veicolo a quattro ruote.

Decreto Clima per una nuova mobilità

Una notizia presa con grande soddisfazione da chi, come Fiab, la federazione italiana ambiente e bicicletta, si batte da anni non solo per garantire una maggiore sicurezza a chi sceglie la bici come mezzo di trasporto cittadino, ma anche per restituire vie e piazze ai cittadini sottraendoli alle auto.

«ll ministro dell’Ambiente Sergio Costa – ha commentato il presidente di Fiab Alessandro Tursi – aveva voluto incontrarci il 16 settembre chiedendoci proposte concrete e immediate, che abbiamo subito presentato. Una di queste era proprio l’estensione del bonus rottamazione anche all’acquisto di bici, incluse quelle assistite, che è stato accolto e inserito nel decreto».

Un Green New Deal, come l’hanno battezzato, che prevede, con 225 milioni un incentivo di 1500 e 500 euro, rispettivamente, per chi rottama l’auto o la moto. Il bonus vale fino a fine 2021 ed è sostenuto da uno stanziamento di 5 milioni di euro per il 2019 e di 125 milioni per gli anni 2020 e 2021.

Il Decreto Clima, limitato alle città con oltre 100mila abitanti e alle aree sottoposte a infrazione europea per la qualità dell’aria, prevede anche risorse per l’acquisto di scuola bus elettrici o ibridi e per il miglioramento o potenziamento delle corse preferenziali.