Home storie cultura Festival del Ciclista Lento 2020, anche quest’anno si pedala. Ma digital

Festival del Ciclista Lento 2020, anche quest’anno si pedala. Ma digital

571
Festival del Ciclista Lento
Il gruppo dei ciclisti lenti al giro delle mura di Ferrara nell'edizione dello scorso anno.

Festival del Ciclista Lento 2020, digital-edition. Covid e Dpcm non fermano la creatura di Guido Foddis, giunta alla quarta edizione, nata per celebrare e condividere la gioia della pedalata slow, quella “dei beati gli ultimi che la vita sanno goder”.

Sarà una piattaforma digitale ad ospitare una carrellata di eventi che, solitamente, vedono a Ferrara ciclisti in carne ed ossa – spesso più carne che ossa – protagonisti di un weekend lungo, all’insegna della lentezza.

E così anche quest’anno, dal 30 ottobre al 1 novembre,  si potrà godere del piacere della Pedalata più Lenta del Mondo, del Record dell’Ora “alla Rovescia”, della Granfondo del Merendone e del Gran Galà del Ciclista Lento.

Festival del Ciclista Lento, Pandemic – Edition

“Sarà una Pandemic Edition – scherza Guido Foddis – che non viene meno alle sue tradizioni, anche se in modo alternativo. Quindi controllate le connessioni e preparate cyclette e rulli, perché ci sarà comunque da divertirsi e da godersi il piacere della bicicletta. Anche se alla fine non mi smuoverete dal divano.”

Il Festival del Ciclista Lento avrà come clou, come sempre,  il Record dell’Ora alla rovescia che vede, ogni volta due campioni di razza, confrontarsi in una sfida che mette a durissima prova muscoli e soprattutto testa: percorrere nel velodromo Fausto Coppi, la minor distanza possibile, senza mai fermarsi o mettere piede a terra. Il record attuale appartiene alla maglia nera del Giro 1979, Bruno Zanoni che, con 1070 metri ha stracciato due anni fa il primato di Gibì Baronchelli.

Festivale Ciclista LentoIn gara due nomi di gran calibro, per motivi diversi: Silvio Martinello, campione olimpico e plù volte campione del mondo e Alan Marangoni, che di gara ne ha vinta una sola, l’ultimo giorno della carriera, ma capace di imprese strabilianti come scalare lo Zoncolan su una Graziella.

Cambia solo di format ma non di spirito la pedalata più lenta del mondo una visita guidata tra le bellezze note e meno note di Ferrara: 100 minuti la durata e non le tradizionali 5 chilometri in 5 ore ricche di soste anche e soprattutto enogastronomiche.

Il Ferrarese tutto da casa, esperienza unica

E che dire della Granfondo del Merendone, alla scoperta dei territori del territorio estense tutta in un virtual tour? Un’esperienza più unica che rara, soprattutto se vissuta pedalando come si può e si riesce da casa con il pc o lo smartphone a ricordarci e farci rimpiangere quanto è bello pedalare. Soprattutto in lentezza.

La manifestazione è organizzata con il patrocinio e il sostegno del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di Ispra – Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e Snpa, di FIAB – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta e del Comune di Ferrara.
E con il sostegno e la collaborazione di Visit Ferrara, Acli Provinciali Ferrara, Ascom Ferrara,  Comitato Italiano Paralimpico sez. Emilia Romagna, Us Acli Emilia Romagna, Officine Ricicletta, Ibo Italia.