Home mobilità ambiente Iva sulle bici al 4%: Portogallo primo paese in Europa

Iva sulle bici al 4%: Portogallo primo paese in Europa

655
Iva sulle bici

Il Portogallo sarà il primo paese dell’Unione Europea a ridurre l’Iva sulle bici al 4% l’Iva sia per quanto riguarda la vendita che la riparazione. Livre, il partito di orientamento socialista-ambientalista che fa parte della coalizione di maggioranza, ha infatti presentato, in tal senso, una proposta di emendamento al Bilancio dello Stato 2023, che aveva già ricevuto il via libera dal consiglio dei ministri. Una bella vittoria per tutto il movimento ciclistico portoghese e un esempio cui potranno dar seguito anche gli altri paesi della Ue per dare maggiore impulso alle politiche di mobilità sostenibile.

Iva sulle bici, il problema e-bike

Il provvedimento si basa su un accordo raggiunto nel dicembre 2021 dal Consiglio europeo per aggiornare le norme Ue in tema di aliquote Iva con un occhio particolare rivolto sia a eliminare gradualmente i trattamenti preferenziali per le merci dannose all’ambiente, sia per incentivare le buone pratiche.

Un risultato arrivato non senza qualche traversia che aveva riguardato le bici a pedalata assistita. La prima proposta di riforma delle aliquote Iva da parte della Commissione europea all’inizio del 2018 comprendeva infatti le biciclette e le auto elettriche ma non le e-bike inserite tre le merci cui applicare il 15%, proprio come i mezzi alimentati a combustili fossili. Una contraddizione evidente che andava a toccare, oltretutto, un segmento del mondo della bicicletta in forte aumento e che allargava in modo considerevole il mercato dei potenziali ciclisti. Come dimostrano anche i dati più recenti di mercato.

 

C’è voluto uno sforzo congiunto da parte di aziende e associazioni perché la bici a pedalata assistita ritrovasse la sua giusta collocazione dal punto di vista fiscale.

Ecf e Conebi – associazione che raggruppa i produttori europei di biciclette e accessori -hanno prodotto un documento di posizione congiunto dopo numerosi incontri con la Commissione e i funzionari degli Stati membri per creare consapevolezza sui benefici delle e-bike per la società, l’ambiente e l’economia ciclistica nel suo insieme.