Home mobilità città Milano Buenos Aires, ripartono i lavori: ciclabile più larga, meno parcheggi auto

Milano Buenos Aires, ripartono i lavori: ciclabile più larga, meno parcheggi auto

695
ciclabile Milano
Milano, la prima versione della ciclabile di corso Buenos Aires, realizzata in tempo di Covid - foto © Gionata Galloni / Archivio BC

A Milano è la ciclabile simbolo del cambiamento in atto sotto la Madonnina: la pista di corso Buenos Aires, realizzata durante il primo lockdown del 2020 dall’amministrazione del sindaco Sala tracciando una linea bianca per delimitare nella zona di Porta Venezia la corsia delle bici e iniziare a ridurre lo spazio alle auto, è entrata in una nuova fase. Oggi sono infatti iniziati i lavori per completare il tracciato con interventi più strutturali: sarà infatti installato un cordolo che separerà la ciclabile dalla corsia per i mezzi a motore. L’assessore alla Mobilità Arianna Censi ha già fatto sapere che, in futuro, «verranno allargati i marciapiedi per creare un grande boulevard pedonale e verrà riasfaltata la ciclabile in pasta rossa». I cantieri coinvolgeranno le vie Spontini, Redi e Boscovich e resteranno aperti per circa quattro mesi.

La ciclabile di corso Buenos Aires a Milano è da anni al centro delle polemiche. Confcommercio Milano ha detto che l’80% dei commercianti della propria rete associativa ha espresso parere negativo sul tracciato. Ci sono però altri numeri, incoraggianti, che permettono alla città di avvicinarsi a obiettivi di riduzione del traffico e dell’inquinamento. Ogni giorno più di 6mila biciclette transitano lungo questa direttrice. Il paragone con il 2019 rende l’idea del cambiamento: la quota in sella si è alzata dal 5% al 21%, eguagliando gli spostamenti in moto.

Secondo l’amministrazione comunale la pista è stata realizzata in un’ottica inclusiva, per tenere conto anche degli utenti attivi della strada e favorire mezzi alternativi alle automobili. Con questa nuova fase per la pista ciclabile di corso Buenos Aires il comune ha deciso di installare cordoli larghi mezzo metro e alti 17 centimetri; in questa nuova veste la ciclabile sarà larga 2 metri e andrà inevitabilmente a togliere posteggi alle auto.

Corso Buenos Aires in prospettiva potrebbe diventare un viale alberato in buona parte ciclopedonale, che collegherà l’area vicina a San Babila, da dove parte la ciclabile disegnata nel 2020, a piazzale Loreto, dove è in programma la realizzazione di LOC, un rinnovamento sostanziale e green di una delle piazze più iconiche (e trafficate) del capoluogo.