Home Mercato Portabici per auto fuorilegge o no? Industria e cicloturisti attendono il responso...

Portabici per auto fuorilegge o no? Industria e cicloturisti attendono il responso del Tar

3774
portabici auto circolare

Dopo la decisione del Consiglio di Stato di sospendere la circolare del ministero dei Trasporti, che nei mesi scorsi ha di fatto messo fuori norma il portabici per auto agganciato al portellone o al gancio di traino, si attenderà ora la decisione del TAR. Potrebbe sembrare un argomento tecnico, ma ha un impatto sulla possibilità delle persone di trasportare le due ruote ad esempio quando vanno in vacanza, riducendo così gli spostamenti in auto. Due circolari di settembre e ottobre 2023 hanno imposto nuovi limiti per i portabici per auto posteriori (la larghezza del mezzo non deve superare quella dell’auto, specchietti non compresi). Secondo quanto ha riferito la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta sono migliaia le persone che negli ultimi anni hanno acquistato questi strumenti per il trasporto comodo delle bici.

I costruttori si sono opposti alle circolari del ministero dei Trasporti, con un ricorso su cui ora si dovrà esprimere il TAR. Il ministro Matteo Salvini negli ultimi tempi è peraltro tornato a criticare misure bike friendly come quella della città 30 a Bologna e la scelta del suo dicastero di introdurre limiti ai portabici per auto è stata letta come in contrasto con lo sviluppo della mobilità ciclistica in Italia. “Il tempo stringe – ha dichiarato Massimo Gaspardo Moro, responsabile del Centro Studi FIAB – perché si avvicina la ripresa della stagione, quando i portabici vengono più utilizzati per le attività in bicicletta”.

Non si tratta ancora di una vittoria per le associazioni bike friendly, i costruttori e chi utilizza i portabici per auto. Nel frattempo una petizione su Change.org sta sfiorando le 20mila sottoscrizioni da parte di cittadini e cittadine contrarie alle decisioni del ministro Salvini. Che crea incertezze anche tra i cicloturisti in arrivo dall’estero con auto e portabici per le prossime vacanze. Si dovrà comunque attendere il TAR che si riunirà prossimamente per capire se chi ha acquistato i portabici dovrà liberarsene oppure tornare a utilizzarlo in vista della bella stagione.