Home viaggio mete Week-end in bici tra Rovereto e dintorni

Week-end in bici tra Rovereto e dintorni

1056
Cicloturisti all'ingresso del Mart © Simona Ballatore / BC

Serve un pretesto? C’è tempo fino al 20 settembre per vedere, al Mart, la ricca ed emozionante mostra sulla Grande Guerra. Se non combacia con i vostri calendari, si può puntare sul 4 ottobre, quando il Mart e la Casa Museo del futurista Depero – come ogni prima domenica del mese – aprono gratuitamente le porte ai visitatori.

Sia come sia, Rovereto è una perfetta destinazione per un fine settimana in cui coniugare la scoperta della città con un’immersione nel territorio in cui si trova: raccolta, elegante nelle piazze e nelle architetture, ricca nel patrimonio di musei (insomma, se d’improvviso si guasta il tempo c’è molto da fare e vedere anche al coperto). Se ne sono accorti, tra gli altri, i tanti utenti del portale Hotel info, che hanno inserito Rovereto nell’esclusivo olimpo delle Top travel italiane.

A maggior ragione è una destinazione week-end perfetta per gli amanti della bici. Ci si muove in sella sui 36 km di piste ciclabili, messe in rete con quattro dorsali principali e percorsi interni ai quartieri; con segnaletica dedicata e cartellonistica di interesse turistico. Il centro storico di impronta veneziana si diparte dal castello medievale e si allarga in piazzette che esaltano le facciate dei palazzi d’epoca; a far da cornice, la memoria industriale delle filande settecentesche, mosse dalla forza idraulica delle rogge. Se il settecento, al tempo della Serenissima, è stato il primo apogeo culturale (di cui sono simbolo il Teatro Zandonai, tempio della lirica, e l’Accademia degli Agiati), oggi la vocazione artistica si rinnova nel Mart, il Museo d’arte contemporanea firmato da Mario Botta, nella Casa d’Arte futurista di Fortunato Depero, nel cartellone di spettacoli e nei festival dedicati a musica e danza. Sul sito dell’ente di promozione turistica, oltre al dettaglio sulle mete e i monumenti, ci sono tutti gli eventi di un calendario ricco di appuntamenti culturali, artistici, sportivi.

La cornice è quella naturale della Vallagarina: castelli, cantine, parchi e biotopi a brevissimo raggio; Trento e il Lago di Garda a portata di pedale sulle ciclabili del Trentino. Per tutti, grazie anche alle postazioni di noleggio di biciclette a pedalata assistita.