Home storie persone 125 anni dopo sulle tracce dei Buffalo Soldiers, soldati in bicicletta afroamericani

125 anni dopo sulle tracce dei Buffalo Soldiers, soldati in bicicletta afroamericani

2320
fanti bicicletta

Era la fine dell’Ottocento quando 20 fanti dell’esercito americano appartenenti al 25esimo reggimento, noti anche come Buffalo Soldiers, pedalarono dal Montana fino a St. Louis, nel Missouri. L’impresa durò 41 giorni in condizioni meteo spesso avverse, su strade non sempre adeguate e con mezzi tutt’altro che moderni.  A guidare quella spedizione di soldati in bicicletta era il tenente James Moss, appassionato di due ruote, che avrebbe consegnato alla storia la maratona del 25th Infantry Bicycle Corps. A distanza di oltre un secolo, 125 anni per la precisione, Erick Cedeño, che sui social si presenta come un nomade in bicicletta, ha deciso di ricostruire quel viaggio, basandosi su immagini e documenti, e di ripercorrerlo per intero nell’estate del 2022.

Non è certo la prima volta che qualcuno attraversa gli Stati Uniti in lungo e in largo. Mentre scriviamo due cicloturisti si stanno impegnando per raggiungere la loro meta, Miami, dopo essere partiti a gennaio da San Francisco. Durante uno dei suoi numerosi viaggi lungo le strade USA, Cedeño si è imbattuto nella vicenda dei 20 fanti che nel 1897 hanno scritto una pagina di storia militare (e ciclistica) poi dimenticata. Ma come mai l’esercito decise di organizzare una simile spedizione? L’obiettivo era capire se fosse fattibile l’istituzione di un bicycle corps, un corpo di soldati in bicicletta

In un’intervista al New York Times, Erick Cedeño ha sottolineato il fatto che i soldati fossero tutti afroamericani. L’America che questi fanti in bicicletta attraversarono era uscita da pochi decenni dalla Guerra Civile. I loro famigliari e parenti avevano vissuto sulla propria pelle il dramma della schiavitù. Pedalarono nel cuore degli Stati Uniti in sella a un modello Special Spalding del 1897, senza marce. Il costo di questo mezzo era di 75 dollari, tutt’altro che economico.

Considerando le strade dell’epoca fa impressione leggere che le loro tappe quotidiane superavano anche gli 80 km. Distanze spesso coperte senza nemmeno la possibilità di idratarsi quando era necessario. Al traguardo a St. Louis 10mila persone festeggiarono l’arrivo con addirittura 300 a scortarli in sella gli ultimi chilometri. Alla fine, però, del bicycle corps non se ne fece nulla. Alcuni dei partecipanti alla spedizione furono spediti a Cuba per combattere la guerra ispano-americana e la loro impresa si perse nella storia. Fino a che Erick Cedeño non l’ha rispolverata pedalando lungo il medesimo tracciato.