Home mobilità Anche il paradiso ha i suoi problemi. In Olanda 85mila bici rubate...

Anche il paradiso ha i suoi problemi. In Olanda 85mila bici rubate nel 2023

632
bici rubate olanda

Il numero di biciclette rubate in Olanda nel 2023 è salito del 10% rispetto all’anno precedente: una ricerca ha registrato oltre 85mila furti. Ma come in qualsiasi contabilità del genere, la cifra va intesa senz’altro per difetto dal momento che anche a quelle latitudini in molti non sporgono denuncia. I dati sono stati pubblicati dall’ufficio statistico olandese che riporta una situazione critica per i ciclisti in una delle capitali europee di riferimento quando si parla di mobilità ciclistica.

Amsterdam, presa a modello in tutto il mondo per come ha saputo reinventarsi nei decenni passati e trasformarsi in una città a misura di ciclista (prima con piste dedicate, oggi anche con scenografici parcheggi), è stata teatro di numerosi furti nel 2023: quasi 11mila le bici rubate, più che in qualsiasi altra città del Paese. Al secondo posto di questa tutt’altro che invidiabile classifica si piazza Rotterdam, altro comune con molto da insegnare in termini di ciclabilità: lo scorso anno sono state 4.755 le due ruote rubate; seguono L’Aia (4.450), e Utrecht (4.040).

L’aumento del 10% dei furti denunciati in Olanda potrebbe essere conseguenza di un mercato delle bici che sta evolvendo verso le ebike. “Con le biciclette elettriche è obbligatorio denunciare il furto alla polizia se si vuole richiedere il rimborso dell’assicurazione. Il numero delle biciclette elettriche è aumentato e questo può spiegare in parte l’aumento delle denunce”, ha spiegato l’esperto Michel Ypma.

I numeri olandesi sono importanti, ma vanno contestualizzati in un vecchio continente dove il furto delle biciclette è un fenomeno diffusissimo. Come riporta ECF ogni anno i mezzi rubati sarebbero circa 1,3 milioni. Quel che si può fare è, anzitutto, legare al meglio la bici seguendo semplici ma efficaci passaggi in grado di rendere la vita più difficile ai malintenzionati. Fortunatamente nelle città italiane si stanno diffondendo velostazioni e parcheggi protetti in grado di rassicurare i ciclisti.