Home mobilità Bassano Club House, la casa del cicloturista a due pedalate dal Ponte...

Bassano Club House, la casa del cicloturista a due pedalate dal Ponte degli Alpini

457
Il Bassano Club House si trova in via Angarano, al civico 36

Si arricchisce la mappa dei bike cafè e, in generale, di tutti quegli spazi rivolti alla clientela attenta e sensibile alla mobilità ciclistica. A Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, ha aperto il Bassano Club House, iniziativa voluta da Stardue Group, azienda produttrice di biciclette con i marchi Basso e Lee Cougan, con l’obiettivo di attrarre in città il cicloturismo internazionale. Siamo in Veneto, in territori che da anni hanno potenziato le proprie infrastrutture ciclabili con un’offerta talvolta di livello europeo. Bassano, in particolare, è punto di arrivo (o di partenza) di quella ciclabile della Valsugana che ogni anno viene percorsa da almeno 300mila cicloturisti, molti provenienti dall’estero.

Lo spazio del Bassano Club House – 800 metri quadrati complessivi – si trova in via Angarano, al civico 36, ed è stato inaugurato il 22 maggio. Oltre a un’area espositiva cicloturisti, clienti e curiosi potranno sbirciare al suo interno, scoprendo altre attività: c’è infatti il bike cafè con angolo gastronomia, mentre è in sviluppo il programma composto da eventi e uscite in bicicletta. Esposte si trovano le biciclette da strada e gravel di Basso e le mountain bike ed e-bike Lee Cougan, così come accessori e abbigliamento.

«È il primo step di un progetto di valorizzazione e promozione più ampio. Crediamo fortemente in questo territorio, volevamo dare una casa al progetto di far diventare Bassano città della bici. Crediamo nel cicloturismo e puntiamo alla costituzione di una fondazione di imprese che hanno come denominatore comune l’attaccamento alla propria terra», ha commentato Alessandro Basso, amministratore delegato di Stardue Group. Per gli appassionati di angoli bike friendly su BC trovate una selezione di dieci bike cafè in giro per il mondo, con una tappa in Italia, dove la mobilità ciclistica continua ad allargare il proprio bacino anche grazie a iniziative di questo tipo, che trovano nella bicicletta il mezzo ideale per lanciare attività imprenditoriali.