Home mobilità città Bergamo, l’ex casello ferroviario diventerà una ciclofficina. A un passo dalla Ciclovia...

Bergamo, l’ex casello ferroviario diventerà una ciclofficina. A un passo dalla Ciclovia della Cultura

277
bergamo ciclofficina casello

Il Comune di Bergamo, città che con Brescia condivide il titolo di Capitale italiana della Cultura 2023, ha deciso di riqualificare l’ex casello ferroviario di via Bianzana grazie ai fondi del Pnrr. L’immobile, da anni abbandonato e su cui sono evidenti le tracce del degrado, sarà prima oggetto di uno studio di fattibilità, dopo di che i tempi per i lavori saranno serrati. Come ha dichiarato Francesco Valesini, assessore alla Riqualificazione urbana, l’appalto sarà assegnato in primavera con la chiusura del cantiere prevista per la fine del 2023.

I costi della riqualificazione dell’ex casello ferroviario in ciclofficina e area sosta/ricarica per le ebike sono di 250mila euro, di cui 10mila proverranno dal Comune di Bergamo. Il progetto su questo stabile di proprietà del Demanio e poi acquisito dal Comune non è nuovo. Come si legge in questo articolo su Medium pubblicato dal profilo ufficiale dell’amministrazione, l’idea di assegnare lo spazio a un’area bike friendly risale almeno al 2019. L’associazione locale Fiab è tra i sostenitori della riconversione.

Non è escluso il fatto che la nuova ciclofficina, per la quale sono a disposizione i fondi dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ospiti un info-point per i cicloturisti. Nella primavera 2022 abbiamo scritto di Bergamo per l’inaugurazione di una velostazione aperta proprio di fronte alla stazione ferroviaria, che dà alloggio a più di 130 biciclette; e più di recente abbiamo raccontato degli incentivi che il Comune dà a chi pratica il bike to work.

In un’ottica di continuo scambio tra Brescia e Bergamo, la Ciclovia della Cultura che collega le due città lombarde gioca un ruolo fondamentale, anche per collegare i due territori lungo un tracciato di quasi 80 km che toccherà 27 comuni. Come si legge su sito di Regione Lombardia, l’opera sarà inaugurata prima dell’estate e richiede la realizzazione di 20 km di nuove piste per collegare fra loro tratti già esistenti.