Home mobilità Emilia-Romagna, bonus bici per ebike e cargo. 200 euro in più per...

Emilia-Romagna, bonus bici per ebike e cargo. 200 euro in più per gli alluvionati

1328
bonus bici emilia romagna

Dopo altre iniziative di questo tipo, la Regione EmiliaRomagna ha emesso un nuovo bando per erogare bonus bici ai residenti di 207 comuni, che potranno acquistare ebike o cargo bike. Si tratta di un incentivo che non andrà a coprire l’intero costo dei mezzi ma che vedrà riconosciuta una maggiorazione nel caso in cui chi fa richiesta abbia rottamato la propria auto. Per questo progetto la Regione ha stanziato quasi 9 milioni di euro per il triennio 2023-2025. Vista la situazione critica di molte città, colpite dalla recente alluvione e ancora alle prese con la ricostruzione, la Giunta regionale ha deciso che chi farà domanda da quelle zone accederà a 200 euro in più di bonus.

Il bonus bici in Emilia Romagna per acquistare bici a pedalata assistita o cargo bike sarà così organizzato: per fare domanda si procederà online, a partire dal 20 settembre. Senza la rottamazione dell’auto il bonus per ebike sarà di massimo 500 euro e per la cargo di 700 euro e comunque non potrà superare il 50% del prezzo del mezzo; in caso invece di rottamazione il bonus per l’elettrica salirà a 700 euro e per la cargo a 1400 euro e non potrà comunque superare il 70% del costo del mezzo.

Per accedere al portale che sarà disponibile tra qualche giorno sarà necessario avere credenziali SPID, CIE o CNS. Tra i vari documenti necessari sarà ovviamente indispensabile avere fattura/scontrino dell’acquisto. Va ricordato che per questo primo anno di incentivo si potrà fare domanda di agevolazione soltanto per le biciclette acquistate dal 7 agosto 2023 e la rottamazione dell’auto dovrà essere a decorrere dal 1 gennaio 2023. Si nota l’assenza di bici tradizionali dall’incentivo, scelta che viene così motivata dalla Regione: “L’obiettivo primario del Bando è quello della riduzione delle concentrazioni di PM10 e NOx nei comuni interessati dal numero di superamenti del valore limite giornaliero di PM10 a causa del quale le zone di pianura sono oggetto di procedura di infrazione europea”.