Home mobilità ambiente Giornata mondiale della bicicletta: il 3 giugno in tutta Italia con Fiab

Giornata mondiale della bicicletta: il 3 giugno in tutta Italia con Fiab

2328
Giornata mondiale della bicicletta

Con i voti favorevoli di tutti i 193 Stati membri, nel 2018 l’Assemblea Generale dell’Onu istituiva, per il 3 giugno, la Giornata mondiale della bicicletta. La più grande organizzazione intergovernativa del mondo riconosceva in questo modo l’importanza strategica di “un mezzo di trasporto semplice, economico, affidabile e sostenibile, che promuove la preservazione ambientale e la salute”.

Fiab, la Federazione italiana ambiente e bicicletta, promuove, sabato 3 giugno, in decine di città italiane attraverso le sue associazioni locali, pedalate ed  eventi (qui il programma dettagliato) per sottolineare  il ruolo win win delle due ruote, strumento che coniuga una transizione ecologica, accessibile e inclusiva (poiché non pesa sulle tasche dei cittadini e dello Stato) con gli obiettivi di  sicurezza e sovranità energetica.

Transizione a portata di pedale

Una transizione “a portata di pedale”, dunque, per decongestionare le strade dal traffico e restituire spazio e vivibilità alle persone. La scelta più conveniente per gli spostamenti a corto raggio ma anche per i tragitti più lunghi, grazie alla crescente diffusione delle e-bike e alle bici pieghevoli, caricabili più facilmente sui treni e sugli altri mezzi di trasporto pubblico locale. Ma sviluppare una nuova mobilità che metta al centro la bici necessita anche di scelte politiche consapevoli, che mettano al centro i cittadini, e non le auto.

La lettera di Ecf alla Ue

Con la campagna «Giornata Mondiale della Bicicletta, per una transizione accessibile, sana, inclusiva» la Federazione italiana ambiente e bicicletta si fa portavoce del messaggio internazionale di Ecf  la Federazione europea dei ciclisti di cui è membro per l’Italia, che ha di recente chiesto, con una lettera, alla presidente Ue Ursula von der Leyen, la proclamazione del 2024 come anno europeo della bicicletta.

La forza di Città 30

“Dopo il taglio dei fondi destinati alla ciclabilità urbana nell’ultima Legge di Bilancio, è ora necessario che il Governo ponga rimedio con un fondo permanente per le infrastrutture e le ciclabili urbane per consentire agli amministratori locali di ogni colore politico di offrire ai propri cittadini la libertà di poter scegliere la bici, in particolare per gli spostamenti casa-lavoro” dice il presidente di Fiab Alessandro Tursi.  In questo quadro è fondamentale l’avanzamento della proposta di legge Città 30 elaborata da Fiab con altre associazioni per l’ambiente e la sicurezza stradale.