Home storie cultura Oscar italiano del cicloturismo alla Toscana con la Ciclopedonale Puccini

Oscar italiano del cicloturismo alla Toscana con la Ciclopedonale Puccini

1814
Oscar italiano del cicloturismo
Un tratto della Ciclopedonale Puccini che ha vinto l'edizione 2023 dell'Oscar Italiano del cicloturismo.

Oscar italiano del cicloturismo. Va alla Toscana con la Ciclopedonale Puccini l’ottava edizione del premio che viene assegnato ogni anno alle Regioni che investono sulle ciclovie verdi promuovendo la vacanza in bici con servizi dedicati al turismo lento. Al secondo posto la Sicilia con Sicily Divide e al terzo il Veneto con la Treviso-Ostiglia. La proclamazione dei vincitori è stata il 3 giugno, Giornata mondiale della bicicletta, a Cesena, in quella regione Emilia-Romagna che si era aggiudicata l’Oscar lo scorso anno con il Grand Tour della Valle del Savio.

La Ciclopedonale Puccini, 58 km da Lucca a Torre del Lago racconta la vita e i luoghi del compositore anche attraverso una segnaletica che permette, tramite Qr code, di ascoltare, durante la pedalata le sinfonie suggerite in alcuni punti selezionati. Totalmente pianeggiante, attrezzato con servizi di noleggio, assistenza, fontanelle, ristoro gode anche di un’ottima intermodalità con le stazioni ferroviarie.

Il secondo posto di Sicily Divide premia un itinerario ciclabile di 457 km da Trapani a Catania  che passa per ben 48 centri abitati fra borghi e città nella Sicilia centrale più sconosciuta. Un riconoscimento particolarmente significativo che evidenzia l’importanza del cicloturismo come fattore di sviluppo economico e di nuova occupazione sul territorio. Sicily Divide è, infatti, un progetto nato nel 2020 durante il Covid da un gruppo di ragazzi dell’Associazione Ciclabili Siciliane per aiutare le realtà delle aree interne dell’isola e invertire la tendenza all’emigrazione dei giovani.

Sicily Divide, un progetto nato dai giovani per valorizzare l’economia del territorio.

Terza classificata la Treviso- Ostiglia ciclovia di 70 km su un ex ferrovia, una delle perle del cicloturismo italiano, capace di competere per qualità del territorio e dei servizi con le grandi ciclovie del Nord Europa.

La Treviso-Ostiglia è una delle ciclabili che all’estero ci invidiano.

Menzione stampa e comunicazione alla Ciclovia della Food Valley dell’Emilia-Romagna, anello di 700 km che valorizza il patrimonio enogastronomico.

Per la prima volta un riconoscimento va all’estero: l’Italian green road award è stato assegnato all’Isola di Gran Canaria (Spagna), destinazione bike friendly che ha reso accessibile la bicicletta per chiunque. Da anni mèta privilegiata di ciclisti e cicloturisti grazie alle ottime condizioni climatiche e alla sua particolare orografia, Gran Canaria ha organizzato la mobilità urbana con un sistema di bike sharing efficace e capillare mentre ha dedicato servizi di qualità e infrastrutture dedicate al cicloturismo, con percorsi in tutta l’isola.

Oscar italiano del cicloturismo
Gran Canaria, mare e montagna, un paradiso per i ciclisti tutto l’anno.

Come ogni anno l’Oscar italiano del cicloturismo è stata anche l’occasione per presentare il report di Banca Ifis sullo stato del cicloturismo in Italia. In particolare, lo studio ha evidenziato come nel corso del 2022 la bicicletta sia stata la compagna di viaggio per 6,3 milioni di turisti in Italia, 1,9 milioni dei quali si sono dichiarati veri e propri cicloturisti. L’impatto economico di questa particolare tipologia di turismo si è concretizzata in 7,4 miliardi di euro di spesa della quale, per quanto riguarda il cicloturismo vero e proprio, hanno beneficiato in particolare strutture ricettive (1,4 miliardi di euro), ristorazione (800 mln), abbigliamento (500 mln) e attività leisure (300 mln). Il rapporto di Banca Ifis evidenzia come i ricavi dei tour operator attivi nel cicloturismo siano attesi in crescita del +15% nel 2023.