Home viaggio mete Green Tour, mappa e QR code per scoprire quant’è bello il Veneto...

Green Tour, mappa e QR code per scoprire quant’è bello il Veneto in bici

1778
green tour mappa

Green Tour è il progetto strategico che la Regione Veneto ha avviato dal 2014 per promuovere la mobilità sostenibile non soltanto in ottica cicloturistica, ma anche per fare prevenzione e stimolare corretti stili di vita; un percorso in cui la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta è stata coinvolta fin da subito, che trova oggi, mercoledì 22 dicembre, un momento ufficiale di presentazione con il webinar “Progetto Green tour: mappa ciclabile rete veneta”. «Si tratta del primo tassello della collaborazione con la Regione Veneto sul progetto Green Tour – ci ha spiegato Antonio Dalla Venezia, coordinatore regionale di FIAB in Veneto -. Nella mappa che abbiamo realizzato è compresa anche l’AIDA, l’Alta Italia Da Attraversare». A questo link trovate la mappa del Green Tour.

Disponibile online, prezioso alleato per scoprire il Veneto in bici, la mappa sarà anche in formato cartaceo e, grazie ai QR Code, i cicloturisti possono atterrare sulle pagine del sito ufficiale dedicate a ciascun percorso, dove l’utente ritrova descrizioni delle ciclabili, tracce gpx e gallerie fotografiche. Sviluppato sulla dorsale strategica della ciclovia Treviso-Ostiglia, il progetto della Regione Veneto si è allargato affidandosi anche alla conoscenza di FIAB del territorio. Infatti, oltre all’anello verde visibile nella mappa qui sotto, sono presenti altri tracciati come l’AIDA, che passa per Verona, Vicenza e Padova, la ciclabile lungo il Mincio tra Mantova e Peschiera del Garda, e la pista che dall’Adige sfocia fin nell’Adriatico.

La mappa del progetto Green Tour realizzata da FIAB

Per avere il quadro completo BC ha raggiunto al telefono anche Enrico Specchio, il dirigente regionale responsabile del Green Tour in Veneto. «Soltanto l’anello verde della mappa tocca oltre 80 comuni direttamente, anche se sono oltre 200 quelli presenti a cinque chilometri di distanza da uno dei tracciati. L’85% dei percorsi è già pedalabile. Grazie a tutto questo vogliamo far scoprire le bellezze storiche e culturali del Veneto. Puntiamo a un turismo che vuole restare sul territorio ed esplorarlo».