Home viaggio mete In Belgio, dove l’anello ciclabile è sospeso in mezzo alla foresta

In Belgio, dove l’anello ciclabile è sospeso in mezzo alla foresta

66
anello ciclabile

Quei boschi piantati un tempo per fornire legna alle miniere di carbone della regione sono rimasti intatti. Li abbraccia oggi un anello ciclabile sollevato dieci metri da terra. Ci troviamo a Hechtel-Eksel, in Belgio, nella foresta di Bosland. Cycling Through the Trees non è una vera e propria infrastruttura, non porta da nessuna parte, se non al punto di partenza, giro dopo giro. Ma è un’installazione bike friendly realizzata per far riscoprire il rapporto con l’ambiente e il verde a ritmo di pedalata. «Tutte le fasi del progetto sono state fatte in armonia con la natura», ha detto Igor Philtjens, il ministro regionale del turismo in Limburgo, una delle province del Paese, e presidente dell’agenzia turistica Visit Limburg.

Inaugurato in giugno, l’anello ciclabile Cycling Through the Trees si trova all’interno della più grande foresta delle Fiandre. La pista è lunga 700 metri, a cominciare dalla rampa che “solleva” i ciclisti, e ha un diametro di 100 metri. Si regge su una lunga serie di pali in acciaio corten – un materiale perfetto e sicuro per le ciclabili – che si mimetizzano in mezzo ai sottili alberi del bosco. Conifere soprattutto, piantate in questa regione per fornire legna alle miniere di carbone. Chiuse e dismesse da tempo le miniere, la foresta è stata mantenuta, e oggi la valorizza questo anello ciclabile. Nulla di improvvisato o isolato: questa bellezza bike friendly rientra in una rete di piste e ciclovie che il Belgio continua a realizzare per attrarre turisti da tutta Europa e coccolare i residenti.

Da quando ha aperto al pubblico, 180mila persone hanno pedalato in questo cerchio green sospeso in aria. Un successo che si affianca a un’altra installazione ciclabile realizzata sempre nella provincia del Limburgo: Cycling Through Water è un’altra suggestiva pista ciclabile che corre letteralmente sott’acqua, attraverso un laghetto. Entrambe le installazioni, originali dal punto di vista architettonico, sono state selezionate tra i 15 progetti della Bike Architecture Biennale.