Home mobilità In Formula 1 è vietato pedalare in pista. Le ragioni del bike...

In Formula 1 è vietato pedalare in pista. Le ragioni del bike ban

1151
formula 1 bike ban
Charles Leclerc in ispezione sul Red Bull Ring di Spielberg per il Gp di Austria.

“Per chiarire ed evitare incomprensioni future, l’utilizzo di ogni mezzo di trasporto (sia esso una bicicletta, una bicicletta elettrica, uno scooter o uno scooter elettrico) è proibito durante la finestra chiamata ‘Team Track Walk’ nel calendario dell’evento. Non saranno fatte eccezioni”. A prendere questa decisione è stato il Formula One Management che dal Gran Premio in Bahrain del week end appena trascorso ha proibito alle scuderie e ai piloti di pedalare lungo la pista nel cosiddetto track walk in ogni gara. Stiamo parlando del giro che i team fanno del tracciato camminando o pedalando per studiare meglio alcuni punti della pista e prepararsi alla gara.

Uno che ama il track walk in bicicletta è Charles Leclerc, pilota della Ferrari, che nel Gp del Bahrain ha infatti rinunciato pure alla camminata lungo la pista. Nel motivare questo bike ban in Formula 1 For ha spiegato che con l’arrivo di biciclette, e-bike e monopattini i track walk stavano diventando sempre più problematici per questioni di sicurezza in pista.

Il bike ban della Formula 1 è una notizia che incuriosisce perché allontana ancora di più due mezzi di trasporto che già hanno molto poco in comune (anche se sono sempre di più le pubblicità di auto che inseriscono biciclette. Mai viceversa). «Non ho fatto il giro – ha spiegato Leclerc -. E siccome penso che abbiano appena emesso una nuova disposizione in base alla quale non possiamo girare in pista con la bicicletta, probabilmente non mi vedrete più in pista. Mi limiterò a guardare i video».

Parlando sempre di messa al bando di mezzi alternativi all’auto, a inizio aprile i cittadini di Parigi potranno scegliere se togliere dalle strade della capitale francese i monopattini elettrici oppure no. Anche in questo caso, il tema è legato alla sicurezza. La sindaca Anne Hidalgo, una delle più ambiziose quando si parla di mobilità ciclistica, ha espresso più di un dubbio sugli escooter.