Home mobilità Parco delle Cinque Terre: sentieri vietati alle biciclette e numero chiuso per...

Parco delle Cinque Terre: sentieri vietati alle biciclette e numero chiuso per le e-bike

602
cinque terre sentieri vietati biciclette
Un'immagine dall'alto di Vernazza. Per le biciclette le Cinque Terre sono una meta difficile da raggiungere.

Sentieri principali vietati a tutte le biciclette nel Parco delle Cinque Terre. Il turismo di massa mette a dura prova il sito Unesco in Liguria. A causa dei sovraffollamenti che si ripeteranno anche in questa stagione turistica, l’ente ha stabilito di introdurre il numero chiuso per quanto riguarda le biciclette elettriche e di vietare l’accesso ai sentieri ai cicloturisti. La decisione è stata presa proprio per dare una risposta all’overtourism, ossia all’elevato numero di ingressi turistici in un’area della Liguria fatta di stradine e piccoli borghi.

Il numero chiuso delle bici elettriche nel Parco delle Cinque Terre si nota a partire dalla quantità di stazioni del bike sharing posizionate nei Comuni: in tutto sono 30 le e-bike a disposizione distribuite tra Riomaggiore, Monterosso, Vernazza, Corniglia e Volastra, mentre non è stato possibile installarne una a Manarola proprio per una questione di assenza di spazio.

Al momento i sentieri principali sono già inaccessibili ai pedoni in caso di sovraffollamento. Per non chiudere tuttavia del tutto la strada agli appassionati di cicloturismo si starebbe studiando una soluzione per dare libertà di circolazione sui sentieri più alti, più verso la cima dei monti e lontano dai borghi. “Qualunque innovazione nella mobilità del nostro territorio deve essere introdotta con una pianificazione rigorosa e una valutazione strategica approfondita – ha dichiarato Donatella Bianchi, presidente del Parco delle Cinque Terre -. È essenziale considerare gli impatti sul paesaggio e sugli equilibri naturali, garantendo un’armonizzazione tra sviluppo e tutela ambientale”.

Su BC raccontiamo spesso delle decisioni prese da enti e comuni per intervenire sul sovraffollamento turistico limitando l’uso delle biciclette. Uno degli ultimi casi ha riguardato Palermo, dove a inizio 2024 l’amministrazione ha deciso di sbarrare l’ingresso di alcune vie del centro storico alle due ruote. In quel frangente associazioni come Fiab si sono opposte. Nelle Parco delle Cinque Terre i sentieri vietati alle biciclette ridurranno il numero di cicloturisti di passaggio?