Home mobilità città A Parigi capitale di ciclabilità la bandiera gialla ad honorem di Fiab-ComuniCiclabili

A Parigi capitale di ciclabilità la bandiera gialla ad honorem di Fiab-ComuniCiclabili

705
Alessandro Tursi, presidente Fiab (a destra) consegna la bandiera al vicesindaco di Parigi Christophe Najdovski.

Parigi detta la linea. Politiche coerenti e coraggiose per la mobilità sostenibile hanno finito per liberare le auto dalla morsa del traffico e renderla una metropoli a misura di ciclisti e pedoni. Vi avevamo raccontato in questo articolo il piano di piste ciclabili e dei parcheggi bici appositamente realizzati per i Giochi Olimpici del 2024: ma è solo l’ultimo atto di un programma avviato dal sindaco Anne Hidalgo a partire dal 2015. Il suo programma ha avuto come passaggi più significativi la pedonalizzazione di 7 chilometri di viabilità lungo la Senna, ora Parc Rives de Seine, e lo sviluppo di piste ciclabili nelle strade più iconiche della città. Dall’agosto 2021 Parigi capitale di ciclabilità è ufficialmente Città30: sulla quasi totalità delle sue strade urbane non si può superare il limite dei 30 all’ora.

Vi avevamo raccontato questo programma – la Parigi capitale di ciclabilità è stata premiata dai residenti, che hanno rieletto Anne Hidalgo a sindaco nel 2020 – in questa intervista al vicesindaco Christophe Najdovski realizzata per la rivista BC. Lo stesso Najdovski ha ricevuto oggi da Fiab la bandiera gialla ad honorem di Fiab-ComuniCiclabili, l’iniziativa che dal 2018 valuta il grado di ciclabilità dei territori accompagnando le amministrazioni nello sviluppo di politiche a favore della bicicletta. La consegna, per mano del presidente della federazione Alessandro Tursi, è avvenuta nel contesto di Eco, il festival della Mobilità Sostenibile in corso a Padova. “Parigi – ha spiegato Tursi – è la dimostrazione di come, attraverso importanti investimenti e precise scelte politiche, sia possibile, in poco tempo, cambiare la mobilità anche di una grande Capitale”.

Parigi è la seconda città estera a ricevere il riconoscimento di Fiab-ComuniCiclabili; l’anno scorso la bandiera gialla della ciclabilità era stata assegnata alla città spagnola di Valencia. Nato nel 2018 per stimolare le amministrazioni locali allo sviluppo di politiche di mobilità ciclistica, Fiab-ComuniCiclabili ha assegnato le bandiere gialle della ciclabilità a 180 comuni italiani (tra questi 9 capoluoghi di regione e 26 capoluoghi di provincia). Un’analisi su quattro aree di valutazione (mobilità urbana, governance, comunicazione e promozione, cicloturismo) si traduce in un punteggio sintetizzato – sulle bandiere gialle – nella riconoscibile icona dei bike smile. Insieme ai bike smile (da 1 a 5 a seconda del punteggio) il comune riceve un documento di valutazione che riporta suggerimenti su scelte e interventi da attuare per migliorare nel tempo il livello di ciclabilità.