Home storie persone Torino, le cargo bike solidali di Piatti Volanti portano cibo nei quartieri

Torino, le cargo bike solidali di Piatti Volanti portano cibo nei quartieri

850
Piatti Volanti

«Abbiamo voluto dare un nuovo senso alla nostra presenza nel quartiere». Con i centri di aggregazione chiusi, gli eventi culturali annullati e tutta la città costretta in casa, Barrito, la casa del quartiere Nizza Millefonti e Ospedali a Torino, ha deciso di lanciare l’iniziativa Piatti Volanti. Volontari in bici portano cibo alle famiglie più bisognose e agli anziani non più autosufficienti. Luca Salomone, responsabile del progetto, ha raccontato a BC un progetto sociale che, in origine, era destinato a durare fino alla riapertura dei ristoranti e al completamento della Fase 2 in Piemonte. «Ma credo che prorogheremo tutto questo almeno fino alla fine di luglio», ha aggiunto.

A Torino ogni circoscrizione – dieci in tutto – ospita case di quartiere, poli aggregativi dove cittadini e residenti si mettono a disposizione per tante esperienze di volontariato. «Il nostro ristorante, l’attività con cui ci autofinanziamo, ha dovuto chiudere come tutti per via del lockdown – ha spiegato Luca – così a fine aprile abbiamo deciso di cucinare cibo per le famiglie bisognose della circoscrizione. Parliamo di 500 persone circa». Nel progetto Piatti Volanti è coinvolta anche la casa del quartiere confinante, San Salvario. «A settimana consegnamo 105 pasti grazie a otto ciclisti. Da alcuni andiamo tre volte la settimana, da altri una sola».

Ogni casa del quartiere a Torino – dove è stata avviata una rivoluzione bike friendly lungo i controviali della città – attrae associazioni d’ogni tipo, anche quelle legate al mondo della mobilità sostenibile. Bici-t, attività di trasporto turistico a bordo di risciò ferma per l’emergenza sanitaria, si è offerta per pedalare le cargo bike per trasportare i pasti pronti; a sostegno, si sono poi aggiunti anche soci dell’associazione Bike Pride Fiab Torino.

Raccontata in un momento che, si spera, sembra vedere alle spalle i giorni peggiori dell’emergenza sanitaria, l’iniziativa dei Piatti Volanti racconta anche un’altra storia come ci ha spiegato Luca. «I volontari che si sono rivolti a noi, ed erano molti di più rispetto al cibo che potevamo consegnare, sono studenti, giovani, liberi professionisti con più tempo libero o persone in cassa integrazione che hanno scelto di rendersi disponibili». A testimonianza di una città che, come tante, si è dimostrata solidale in un momento di difficoltà generale.