Home viaggio mete 5 ciclovie top, dalla Destra Po alla Carretera Austral, per il vostro...

5 ciclovie top, dalla Destra Po alla Carretera Austral, per il vostro prossimo viaggio

1629
In viaggio lungo la Destra Po

State già programmando il vostro prossimo viaggio in bicicletta? State leggendo, vi state lasciando ispirare, siete alla ricerca di uno spunto per la vostra vacanza su due ruote? Mappamondo alla mano, proviamo a darvi qualche consiglio, pescando tra le destinazioni “top” per il 2019 quelle che vale la pena mettere in agenda, in un arco che va dal viaggio su lunghe – o lunghissime – distanze all’escursione di un fine settimana.

RAVEL, VALLONIA – Antiche ferrovie dismesse, alzaie che fiancheggiano i canali, vie poderali oggi sono state trasformate in strade riservate ai ciclisti e pedoni. La rete Ravel, in Vallonia (Belgio), offre oltre 1.300 chilometri di percorsi ciclabili riparati dal traffico automobilistico, per andare alla scoperta della storia e della tradizione locale, pedalando tra campagne, borghi e castelli, lungo fiumi o nel cuore di città d’arte. Il sito valloniabelgioturismo.it mette a disposizione mappe e cartine. E c’è anche il calendario completo degli eventi ciclistici del 2019.

ALPE ADRIA, DALL’AUSTRIA ALL’ITALIA – A proposito di ferrovie dismesse, nel 2019 non perdete l’occasione di pedalare sul tratto italiano della Ciclovia dell’Alpe Adria: dal confine con l’Austria fino a Mentone potrete pedalare in uno scenario da favola, sui ponti e nelle gallerie che un tempo erano usate dai treni che andavano oltralpe. Se avete un solo weekend a disposizione, concentratevi sul tratto italiano. Se avete più giorni da dedicare alla vostra vacanza in sella, allora fate tutto il tracciato (anche qui, c’è un sito dedicato per preparare il viaggio): in una settimana potrete pedalare da Salisburgo fino al mare di Grado, passando per le foreste alpine.

DESTRA PO, ITALIA – Un grande classico di casa nostra? La Ciclovia Destra Po (a cui è dedicata l’immagine di apertura), inserita all’interno del percorso numero 8, chiamato “The Mediterranean Route”, del progetto Eurovelo (ne avevamo parlato anche qui). Il percorso misura circa 125 chilometri e si muove al fianco del grande fiume che taglia in due la parte superiore dello Stivale, nella provincia di Ferrara, da Stellata di Bondeno a Gorino. Basta un fine settimana per completare tutto l’itinerario e ammirare i borghi e le oasi che si susseguono sulle sponde del Po che proprio in quel tratto si avvicina al suo delta. Allungando un po’ il tragitto si può arrivare fino a Ferrara, città decisamente bike friendly.

RING OF KERRY, IRLANDA – Lasciamo il nostro Belpaese e andiamo di nuovo a Nord dell’Europa, questa volta in Irlanda. L’isola verde custodisce uno dei percorsi ciclabili più decantati dai cicloviaggiatori negli ultimi anni, e il 2019 potrebbe essere l’anno giusto per mettere in cantiere questa piccola grande impresa: parliamo del Ring of Kerry, percorso circolare che inizia e finisce nella località di Killarney, famosa per l’omonimo National Park e per la Macgillycuddy’s Reeks, una delle catene montuose più importanti dell’isola. Potrebbero bastare anche 3 giorni per completare i 170 chilometri del tracciato che vi permetterà un vero e proprio tuffo (fatevi l’occhio qui sul web) nel cuore dell’Irlanda.

CARRETERA AUSTRAL, CILE – I cicloturisti più allenati e i più avventurieri possono spingersi anche più lontano. Il richiamo della Carretera Austral (il suo nome in codice è Ruta Ch-7) è enorme e lo è altrettanto il fascino della Patagonia: sono decine di migliaia i ciclisti che ogni anno “sfidano” questo percorso di 1.240 chilometri che taglia in due il Cile e attraversa le Ande. Questa strada, per molti tratti asfaltata, fu voluta e realizzata dal generale Augusto Pinochet per scopi militari e collega Puerto Montt con Villa O’Higgins. La sua realizzazione è durata circa 20 anni: gli operai iniziarono a lavorare nel 1976 e la Carretera fu completata nel 1996. Oggi è un must per i cicloviaggiatori più incalliti. Siete curiosi? La sta percorrendo lo scrittore e cicloviaggiatore Alberto Fiorin, lo potete seguire sulla sua pagina Facebook.