Home Mercato duepuntozero Bike fashion: la scarpa del ciclista è elegante e ha le luci...

Bike fashion: la scarpa del ciclista è elegante e ha le luci di svolta nel tacco

601
La scarpa di Raiot è al momento soltanto un prototipo. Entro l'estate il prodotto dovrebbe arrivare sul mercato

«La nostra sfida era quella di inserire i sensori Led nel tacco di una scarpa da uomo. Ora il nostro obiettivo è offrire un prodotto che migliori la sicurezza del ciclista, rendendolo ancor più visibile nel traffico». Manolo Abrignani è uno dei cofondatori di Raiot (Radical Apparel Internet Of Things), startup romana che entro l’estate dovrebbe lanciare sul mercato il suo primo prodotto: una scarpa elegante da uomo in grado di “riconoscere”, grazie a un algoritmo, quando la persona che la indossa sta pedalando,  accendendo così le luci di posizione. E se serve svoltare basta spingere il tallone all’esterno per far scattare la freccia. «Siamo in fase di prototipo – ricorda a BC Abrignani – ma immaginiamo una scarpa che un domani potrebbe parlare con città smart, magari con semafori che all’avvicinarsi del ciclista attivino l’onda verde».

Ma come è nata l’idea di una scarpa con luci Led? «Eravamo a Londra per lavoro – ricorda l’altra cofondatrice di Raiot Cristina Bonaccurso – e abbiamo notato tanti uomini pedalare con vestiti eleganti. All’inizio pensavamo che una calzatura simile avrebbe trovato mercato soprattutto in nord Europa, dove tanti uomini d’affari usano la bici. Ma notiamo che anche in Italia le cose stanno cambiando». Dopo aver vinto un bando da 30mila euro della Regione Lazio, la startup ha iniziato dal prototipo: una scarpa con un’autonomia tra le 18 e le 20 ore, con collegamento bluetooth per raccogliere i dati sul cellulare e la ricarica wireless. Secondo il direttore tecnico di Raiot Danilo Alicino «basterà lasciarla su una piattaforma, magari la stessa scatola di acquisto».

La cosiddetta tecnologia wearable – oggetti e device che si indossano – viene applicata in questo caso soprattutto per garantire la sicurezza in bicicletta. «In caso di incidente – evidenzia Alicino – stiamo studiando la possibilità che la scarpa invii un messaggio ai famigliari con la localizzazione per poter chiamare il pronto soccorso». Specifiche che allargano applicazioni tecnologiche per la mobilità ciclistica su cui sia grandi aziende sia startup stanno lavorando. La scarpa di Raiot è stata realizzata insieme all’azienda di settore Velasca e avrà un costo superiore del 20% rispetto alle calzature tradizionali.