Home mobilità ambiente Bici posteggiate sui marciapiedi. A Bologna i vigili le fanno portare via

Bici posteggiate sui marciapiedi. A Bologna i vigili le fanno portare via

1572

«Normale servizio per far rispettare un divieto che esiste da tempo». Così il Comune di Bologna ha giustificato l’intervento della polizia municipale che, venerdì, ha fatto rimuovere delle biciclette legate a pali e cancellate nei pressi della stazione. Una vera e propria retata, senza alcun preavviso, immortalata per caso da un passante che l’ha subito messa su Facebook, scatenando la rabbia dei ciclisti in rete che hanno inondato di proteste e di commenti ironici i social network.

Secondo il codice della strada le biciclette non possono essere posteggiate sui marciapiedi, ma nelle apposite rastrelliere. «Alla stazione sono sempre tutte piene. Cosa faccio me la riporto a casa o aspetto buono buono che qualcuno mi lasci libero il posto?» è uno dei commenti più divertito che irato. In caso di rimozione il proprietario deve recarsi al deposito convenzionato e dopo aver pagato la multa di 84 euro (59 se lo si versa subito). Sempre che sappia che la sua bici è stata portata via dai vigili e non da un ladro.

A rendere più paradossale tutta la vicenda l’ipotesi che l’operazione di pulizia si a avvenuta in occasione dell’arrivo in stazione a Bologna del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio intervenuto alla presentazione di nuovi 22 treni regionali. Delrio infatti è da sempre un sostenitore dell’uso della bicicletta – come dimostrato dai recenti provvedimenti del governo – e dell’intermodalità. Due temi che cozzano contro una decisione del comune che appare pensata da qualcuno più realista del re.