Home viaggio mete Gran Canaria, un viaggio tra i mulini del gofio, tradizionale superfood dell’isola

Gran Canaria, un viaggio tra i mulini del gofio, tradizionale superfood dell’isola

1061
Mulino tradizionale a Gran Canaria: una dozzina quelli ancora in attività da cui si ottiene il gofio

A Gran Canaria brillano di luce propria tesori etnografici, artistici e naturali (visitando il sito grancanaria.com ve ne renderete conto). Oltre ai siti archeologici dichiarati dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità, troviamo gioielli più recenti nei suoi mulini, sparsi lungo gran parte dell’isola. Un tempo venivano utilizzati per macinare il grano e ottenere farina o gofio, per pompare l’acqua dal sottosuolo o anche per sollevare l’acqua del mare nelle saline. Se vogliamo dedicarci a un percorso gastronomico a Gran Canaria, un viaggio tra i mulini del gofio porta a visitare quella dozzina ancora in funzione dove si macina il tradizionale cereale dell’isola. Distribuiscono la loro produzione di gofio a negozi e supermercati, la maggior parte di essi effettua anche la vendita diretta, un modo per acquistarlo appena tostato e pieno di aromi. Facendo base a Las Palmas si possono raggiungere anche in bicicletta. Con un percorso tematico che si aggiunge ai più noti itinerari pedalabili di questo Paradiso del cicloturismo.

Gran Canaria, le virtù del gofio

Il cereale tostato e poi macinato che alle Canarie è chiamato gofio era il principale sostentamento dei primi abitanti dell’arcipelago. Ricavato dai cereali che coltivavano, soprattutto orzo e grano, veniva tostato in un recipiente di argilla cotta e poi macinato a mano con l’aiuto di due pietre vulcaniche. L’uso di questo alimento molto completo e ricco di vitamine e fibre è ancora in uso nel XXI secolo. È la colazione tradizionale di Gran Canaria, molto salutare in quanto non contiene zucchero. Ma entra anche in cucina, cosparso sullo stufato, in umido con pesce o brodo vegetale, impastato con patate, formaggio, o semplicemente con acqua, e perfino come dessert in forma di mousse o di palline con miele, banana e altri frutti. La sua versatilità lo rende un ingrediente molto facile da integrare. Infine, è un superfood ricco di vitamine del gruppo B, ferro, magnesio, fosforo e zinco.

Gran Canaria: i mulini del gofio in attività

Tra i principali troviamo il mulino attivo più antico Molinería Rojas a Gáldar, a 30 km da Las Palmas sulla costa nord ovest dell’isola, costruito nel 1880. Le sue pietre venivano mosse dall’acqua della Heredad de la Vega Mayor fino al 1938, quando passò da “mulino ad acqua” (idraulico) a “mulino a fuoco” (motorizzato). Addentrandoci invece per 25 km più nell’entroterra a sud di Las Palmas, troviamo Il Mulino de Gofio de San Mateo, una tappa fissa per i visitatori del popolare mercato che si tiene ogni settimana dal venerdì alla domenica, e che vengono attirati dai suoi aromi. E per concludere, proseguendo per poco più di 20 km verso la costa orientale dell’isola troviamo il Molino de Fuego de Telde, in funzione dal 1903. Tra i suoi diversi grani macinati, è possibile trovare il gofio di mais locale.

Gran Canaria: gli storici mulini a vento

Il “mulino bruciato” di Mogan, visitabile e in attività.

Se si vuole andare alla scoperta degli storici mulini a vento di Gran Canaria, vale pena scegliere come punto di partenza quello delle affascinanti dune di Maspalomas e risalire il versante ovest dell’isola per poco più di 100 chilometri. Per primo visiteremo il Molino Quemado (mulino bruciato) nella valle di Mogán, dai macchinari ancora funzionanti. Intorno al mulino vedrete ogni sorta di oggetti di dimensioni enormi: un tavolo con quattro sedie, un ferro da stiro, una lampada a olio, caffettiere e un macinino da caffè. Il tutto in un bellissimo giardino di cactus, un paesaggio degno dei racconti di Gulliver. Poi nelle diverse fattorie di La Aldea de San Nicolás vedremo i mulini a vento che venivano utilizzati per pompare l’acqua dal sottosuolo o dagli stagni per l’irrigazione. In questa località si visita il mulino a vento Los Majanos con la sua torre circolare, i macchinari fissi e la casa del mugnaio. Continuando in direzione nord-est, una strada tanto tortuosa quanto panoramica porta ad Agaete. Antico villaggio di pescatori che si staglia all’orizzonte con le sue casette bianche, Agaete fu costruito su una colata di lava frutto dell’eruzione, milioni di anni fa, di tre vulcani. Qu si trova Il Mulino a vento di Las Nieves. Risale al XIX secolo ed è stato utilizzato fino agli anni ’50 del secolo scorso.

Gran Canaria: Firgas, il mulino più antico

Nel villaggio di Firgas (a nord di Gran Canaria) è possibile visitare il più antico mulino da gofio delle Isole Canarie, ancora in perfetto stato. Messo in funzione nel 1517, ha macinato ininterrottamente per 442 anni, fino alla chiusura nel 1959, quando una grave siccità ha impedito il movimento delle pietre. Acquistato e restaurato dal Comune di Firgas, che lo ha trasformato in museo e ufficio turistico locale, dal 1995 ha ripreso a funzionare, conservando la tecnologia idraulica originale a scopo dimostrativo.

Gran Canaria: l’ingresso al mulino di Firgas, il più antico dell’isola.