Home città Ciclisti e pedoni: a Londra acquistano più (e meglio) degli automobilisti

Ciclisti e pedoni: a Londra acquistano più (e meglio) degli automobilisti

546

Spendono al mese il 40% in più degli automobilisti. Sono i ciclisti, i pedoni e chi prende i mezzi a Londra secondo quanto riporta una ricerca pubblicata da Transport for London (Tfl), l’ente responsabile dei trasporti pubblici nella capitale britannica, che ha preso in esame proprio quelle aree della città dotate di ciclabili, dove la mobilità attiva viene incentivata come valida alternativa all’auto. La ricerca, contenente anche indagini precedenti sulla ciclabilità a Londra, aggiorna il quadro con i numeri di Matthew Carmona della Bartlett School of Planning.

Dallo studio britannico sono proprio le cosiddette strade dove Tfl sostiene gli spostamenti sostenibili quelle che favoriscono anche una migliore vivibilità dei quartieri. In queste zone le persone non transitano soltanto, ma si fermano, si siedono sulle panchine, socializzano. Quanto? Il 216% in più rispetto ad altre vie e piazze dedicate più a motori e marmitte e meno a pedali e chiacchiere.

E se a Londra un politico si era spinto perfino a dire che le ciclabili realizzate avevano danneggiato la città come le bombe naziste durante la Seconda Guerra Mondiale, i benefici economici del mondo bici in Gran Bretagna valgono più di qualsiasi boutade. In tutto il paese la bikenomics vale 5,4 miliardi di sterline, oltre 6 miliardi di euro, il triplo dell’industria siderurgica Oltremanica. Secondo Will Norman, il commissario che a Londra si occupa delle politiche a sostegno di pedoni e ciclisti, «fare sì che più persone camminino e pedalino rende le nostre strade più pulite, più sane e più accoglienti. E incoraggia anche maggiori acquisti».