Home mobilità città Cargo bike, a Londra Amazon consegnerà pedalando

Cargo bike, a Londra Amazon consegnerà pedalando

670
cargo bike amazon londra

Non se ne conosce ancora il numero esatto, ma di sicuro si faranno notare le cargo bike a pedalata assistita che Amazon sta mettendo su strada a Londra per effettuare migliaia di consegne giornaliere in sella. Il gigante dell’e-commerce sta investendo da tempo sulla mobilità elettrica: dall’ordine di 100mila furgoni elettrici alla startup Rivian si è arrivati ora a un’iniziativa senz’altro più innovativa per la vivibilità dei centri storici. Le cosiddette consegne dell’ultimo miglio sono un tema cruciale per alleggerire il traffico urbano e garantire una maggiore sicurezza stradale.

L’iniziativa non sarà diffusa su tutto il territorio londinese. L’hub bike friendly da cui partiranno i corrieri in sella si trova a Hackney, nella zona nord est della capitale britannica. A pedalare non saranno direttamente i dipendenti di Amazon, ma soggetti partner. «Le nostre nuove e-cargo ci aiuteranno a effettuare un numero di consegne ai clienti a zero emissioni mai visto prima in tutta Londra e nel Regno Unito nei prossimi mesi», ha commentato John Boumphrey, country manager UK di Amazon. Oltre alla novità delle cargo bike a pedalata assistita l’hub di Hackney sarà anche un laboratorio per valutare il ricorso alle consegne a piedi.

Ci saranno infatti dei corrieri che, proprio per ridurre l’impatto ambientale dell’ecommerce, potrebbero consegnare i pacchi camminando nel quartiere. Tornando però alle cargo, l’investimento da parte di Amazon è successivo a quello di altre aziende che da tempo stanno utilizzando la mobilità ciclistica per equipaggiarsi con una flotta più green. Nel 2018 ci aveva già pensato Zalando.

Nel 2020 appena 2mila cargo erano state vendute in tutta la Gran Bretagna per scopi commerciali, ma le stime sul mercato europeo sembrano promettenti. Il quadro generale per quanto riguarda il settore bici si confronta con la crisi delle catene di approvvigionamento e la carenza di materiali. In Italia ancora non esiste una statistica ufficiale delle vendite di cargo bike, anche se aumentano le mosche bianche che danno il buon esempio.