Home mobilità città ComuniCiclabili crescono: 136 le città valutate nella terza edizione

ComuniCiclabili crescono: 136 le città valutate nella terza edizione

507
nuovo ComuniCiclabili
Foto di gruppo per i nuovi ComuniCiclabili Fiab

Il 15% della popolazione italiana abita in un comune che ha richiesto a Fiab, Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, una valutazione sullo stato dell’arte della ciclabilità. Infrastrutture, comunicazione, cicloturismo, governance: perché sulle due ruote non ci si improvvisa. Parliamo di 9,3 milioni di persone. Lanciato nel 2017 da Fiab  anche per stimolare un cambiamento bike friendly nelle amministrazioni, il progetto ComuniCiclabili ha appena chiuso la sua terza edizione in crescita: sono 136 i campanili che Fiab ha passato in esame. Otto i nuovi arrivati: Arona, Diano Marina, Forte dei Marmi, Lonigo, Massa Marittima, Piaggine, Roccagloriosa, e Sarego.

Crescono dunque i ComuniCiclabili, un’iniziativa che ha saputo toccare in questi anni città piccole, grandi comuni capoluogo e, infine, di recente, la stessa Capitale. Roma si è guadagnata una valutazione su misura – articolata per i suoi 15 Municipi – proprio per la complessità e l’estensione del territorio urbano. La cerimonia conclusiva dell’ultima edizione si è svolta ieri, martedì 14 luglio, a Pineto, ovvero il primo comune abruzzese (e italiano) a fare domanda per ottenere i bike smile (da 1 a 5).

«Osservando la mappa di ComuniCiclabili – ha dichiarato il Presidente FIAB, Alessandro Tursi – possiamo affermare che c’è stato un incremento di presenze sull’asse Nord-Ovest / Sud-Ovest: dal Lago Maggiore con Arona alla Liguria con Diano Marina e poi Forte dei Marmi e Massa Marittima in Toscana fino al Cilento con Piaggine e Roccagloriosa. Questo tende a riequilibrare l’ormai consolidata presenza di ComuniCiclabili nell’asse Est della penisola». Sempre in questa terza edizione si è aggiunta alla lista dei ComuniCiclabili anche una realtà turistica come Firenze.

In una fase complessa, dopo il lockdown e in ancora in piena emergenza pandemia, la mobilità ciclistica si conferma come asset agli occhi di sindaci e giunte che vogliono migliorare la qualità di vita dei cittadini e attrarre turismo lento e responsabile. FIAB ha intanto annunciato che, a breve, saranno aperte le candidature per l’edizione 2021 di ComuniCiclabili, un progetto patrocinato dal Ministero dei Trasporti.